Vai al contenuto

Recommended Posts

2z74djr.jpg

 

 

Lo sapevate che...? :ooo:

Un topic per condividere le notizie curiose, interessanti, le novità riguardanti tutto ciò che è cibo :addoctina:

 

Contadino cinese coltiva zucche di ogni forma

ak7vi9.jpg

Un gruppo di contadini cinesi si è specializzato nel coltivare zucche dalle forme insolite, ed in particolare avrebbe grande successo la zucca che riproduce le fattezze di Mao.

Le forme prodotte comprendono anche Buddha, Babbo Natale, draghi e molto altro. La tecnica di realizzazione è in realtà molto semplice:...[prosegui la lettura]
 
Il gelato che cambia colore man mano che si scioglie
2vrxyk3.jpg
L’ultima invenzione del ex fisico spagnolo Manuel Linares è decisamente curiosa: un gelato che cambia colore mano a mano che si scioglie. Linares ha abbandonato la carriera di ricercatore per intraprendere quella di cuoco per seguire la sua passione per la cucina, ma anche adesso ogni tanto usa un po’ delle sue conoscenze scientifiche in cucina.
Il tutto è nato come... [prosegui la lettura]
 
La “torta d’acqua” giapponese: un dolce decisamente insolito
24wwufm.jpg
Sembra una grossa goccia d’acqua appoggiata sul piatto, ma è in realtà un dolce. Ed è delicato come sembra, perché se non lo si mangia entro mezz’ora, si trasforma in una pozza d’acqua.
Il dolce è una variazione di un famoso dolce giapponese, che sono realizzati con a base di farina di riso e polvere di soia, che di solito è di colore giallo, con una consistenza gelatinosa.
I creatori di questa variante sono riusciti a realizzarne una versione utilizzando acqua di sorgente...[prosegui la lettura]
 
Il cuoco deve indossare la maschera antigas, mentre prepara le cosce di pollo più piccanti del mondo

97pd3l.jpg

Muhammed Karim, cuoco incaricato dei piatti piccanti al Bindi Restaurant, nel Lincolnshire, sostiene di avere creato le cosce di pollo più piccanti del mondo. Basti dire che per cucinarle deve indossare una maschera antigas, perché i fumi potrebbero farlo svenire.
Il piatto, battezzato “Atomic Kick Ass”...[prosegui la lettura]
 
 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

:ooo:

 

Wurstel agli orsetti gommosi

 

il-wurstel-da-Minnesota-Monthly.jpg

 

Anche se il nome dell’azienda, Grundhofer’s Old Fashioned Meats, farebbe pensare una stretta aderenza a tradizioni e ricette antiche, il loro catalogo comprende una serie di wurstel dai gusti decisamente insoliti: alle more, al bloody mary, ma soprattutto agli orsetti gommosi.

Il tutto è nato per uno scherzo.... [Segue]

 

Drink in sacche di sangue per gli “aspiranti vampiri”

 

:vampeo:

 

una-delle-sacche-da-bere-500x502.jpg

 

I drink (rigorosamente rossi) venduti in sacche di sangue sono l’ultima moda in Cina, specie tra i giovani fan della serie americana The Vampire Diaries. Per rendere maggiormente realistico il “sogno “ degli aspiranti vampiri, sono nati anche dei locali a tema, dove lo staff è vestito da dottore o infermiera, e non mancano decorazioni macabre tra cui talvolta anche delle bare...[Segue]

 

L’hamburger più piccante del mondo ha mandato cinque persone in ospedale

 

il-panino-pi%C3%B9-piccante-del-mondo-50

 

Il XXX Hot Chili Burger, preparato da Burger Off, un fast food nel Sussex, è l’hamburger più piccante al mondo: raggiunge ben 9,2 milioni di unità Scoville. Per dare un’idea di cosa voglia dire, un peperoncino jalapeno misura 2.500 unità e il normale chili 500. Neanche lo spray urticante della polizia non arriva a tanto, fermandosi ad “appena” 5.000.000 di unità Scoville... [Segue]

 

Vegetali per nerd: le successioni di Fibonacci del broccolo romanesco

 

da-wikimedia-commons-Jacopo-Werther-500x

 

Se a qualcuno matematica e broccoli ricordano le cose meno amate dell’infanzia,  il broccolo romanesco sarà il suo nemico giurato. Perché il broccolo romanesco, oltre ad essere chiaramente un broccolo, è anche uno degli esempi più curiosi di matematica nella natura.... [Segue]

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Cucinare con la lavastoviglie: no, non si tratta di un errore di battitura, bensì di un nuovo trend da qualche anno sempre più in voga negli Stati Uniti e da poco sbarcato in Europa. Tra forni a microonde, a flusso d’aria forzata, elettrici e a gas, per quale motivo ci si dovrebbe affidare a un elettrodomestico che nulla a che fare con la cottura? La risposta è semplice: perché i piatti sono gustosi e perché è molto divertente.

 

 

Qui un video pratico

 

 

 

E qui uno dei tanti articoli che troverete sul web e da dove ho fatto copia e incolla della intro :zuzu:

 

 

 

http://www.greenstyle.it/cucinare-con-la-lavastoviglie-le-ricette-47926.html

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ah, non avevo visto questo topic, grazie @Kin*

 

 

Fa un pò senso anche a me, ma se è vero che la carne è tenera e non stopposa io, ad averla la lavastoviglie e la macchina per fare il vuoto, una prova l'avrei fatta :asd: 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

è la cottura sottovuoto che fa in modo che la carne non disperda tutti i suoi succhi e resti tenera, il pesce si cuoce anche con basse temperature e quindi la signora risparmia prendendo due piccioni con una fava :asd:

 

germo se vuoi provare ad ottenere risultati simili senza macchina per il sottovuoto e lavastoviglie, puoi provare la cottura al cartoccio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

è la cosa più stupida che abbia mai sentito

che poi le lavastoviglie non hanno tempi e temperature diverse?

mi sembra proprio "l'alternativo per voler essere alternativo"

non a caso durante il video ci sono tutta una serie di frasi volte a catturare l'attenzione di chi può essere sensibile a certi argomenti e siccome molte delle persone sensibili all'ecologia, al mangiare sano etc spesso sono ipersensibili e diventano un pò folli.... sicuro qualcuno sperimenterà la cottura in lavastoviglie :asd:

 

quando basta il sottovuoto come dice Brezza, poi certo con la stessa energia fai due cose (tra l'altro curioso "nel frattempo lavo i piatti del pranzo" lasciando intendere che il pesce è per la cena... ma poi fanno vedere un orologio ed è mezzogiorno  :rotfl: )

 

ma per fare 2 cose contemporaneamente non si può usare una vaporiera multicestello e cuocere 2-3 cose contemporaneamente? piuttosto che andarsi ad affidare ad una cottura random in lavastoviglie?! :grat:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

7 cose inquietanti da sapere sul cibo

 

Ecco-7-cose-inquietanti-da-sapere-sul-ci

 

7) Nello yogurt e nel tè freddo vi è un additivo proveniente dalla ghiandola di un castoro. Questo di per sé è già sconvolgente, se non fosse che la ghiandola proviene direttamente dal suo ano. L’additivo si chiama castoreo, che è l’escremento da sacche di ricino un castoro. Non è solo usato in alcuni gelati, ma è anche un additivo utilizzato nel tè freddo, nello yogurt, nella gelatina, nelle bevande aromatizzate alla frutta e nelle caramelle. Tuttavia, questo additivo è approvato dall’FDA (Food and Drug Administration).
 
6) Le caramelle gommose sono ricoperte di secrezioni di insetti. Le caramelle sono coperte dalla gommalacca, che proviene dalle secrezioni della femmina di Kerria lacca. La Kerria lacca è un insetto proveniente dalla Thailandia e che conferisce alla caramella il suo tipico bagliore.
 
5) Il 25% dell’acqua confezionata in bottiglia è semplice acqua del rubinetto. Il Natural Resources Defense Council conduce una revisione quadriennale dell’acqua in bottiglia e ha scoperto che il 25% non è altro che acqua proveniente dal rubinetto.
 
4) Il salmone di allevamento è tinto di rosa per conferire una maggiore attrattività. In realtà esso è grigio. Il salmone di mare ottiene il colore rosa dalla sua dieta fatta di krill, mentre il 95% del salmone atlantico venduto nei negozi di alimentari è di allevamento ed è tinto di rosa per assomigliarli.
 
I cibi proibiti e le pietanze più strane d’Europa
 
cibi-proibiti-jpg_123834.jpg
 
Se pensiamo che secondo il Rapporto scientifico della Commissione Europea del 16 dicembre 1998 “il foie gras (nella foto) è il fegato malato di un volatile affetto da steatosi epatica”, non è strano pensare che anche da noi siano previste norme restrittive in proposito. Il gavage ad esempio (alimentazione forzata) è vietato in Germania da quasi vent’anni, nonostante non lo sia la vendita del foie gras, mentre in moltissime altre nazioni non è necessaria neanche una legislazione ad hoc, perché è sufficiente ricorrere a quella sul maltrattamento degli animali. [...]
Sono parecchie le restrizioni negli alimenti, in Europa, che vanno dai formaggi non pastorizzati (i più buoni) a composti alimentari che assumiamo per via indiretta, come l'ormone della crescita bovina. Un noto esempio di cibo che sarebbe vietato produrre è il casu marzu. Si tratta di formaggio pecorino colonizzato dalle larve della mosca casearia. C’è il sospetto che mangiare il casu marzu sia dannoso per la salute [...]
E poi ci sono i cibi che forse dovrebbero essere proibiti: pensiamo al brodo di mirauda, Coluber viridiflavus, il serpente più diffuso in Italia e usato nel risotto nel biellese; a Roma la paiata, quella parte dell'intestino di manzo denominato "duodeno" che comprende il chimo, una sostanza ‘molto saporita’, ma a ben pensarci un poco disgustosa; in Maremma si usa il merdocchio... [Prosegui la lettura]
 
A tavola con il cane: ristorante serve clienti a due e quattro zampe
 
ftnb5h.jpg
Anche se sempre più ristoranti consentono agli avventori di portare i loro cani, non ci sono molti posti che propongono sia menu per umani che per cani: ne ha finalmente creato uno la trentenne Giannina Gonzalez, nelle Fillippine.
 
L’idea è venuta alla Gonzalez per il suo amore per i cani, e il suo sogno è sempre stato quello di trovare un ristorante dove poter dividere il tavolo con il suo amico a quattro zampe. Riflettendo sul fatto che...[Prosegui la lettura]

 

Il ristorante dove si mangia talmente male da avere un seguito di cultori

 

alcuni-dei-piatti-500x300.jpg

 

Di solito i ristoranti diventano famosi e affollati di clienti grazie al fatto che vi si mangia bene, e di solito gli avventori si lamentano se non sono soddisfatti del cibo. Il caso del Ming General Japanese Sushi Restaurant di Hong Kong però è l’esatto opposto: il ristorante ha fama che lì si mangi talmente male che è sempre pieno di curiosi e di gruppi che si sfidano a finire i pessimi piatti.

Uno degli appassionati di “cattiva cucina” spiega: “E’ il peggiore, per questo è così famoso”. I gamberetti sarebbero pessimi: “Sono piccoli e molto magri. Non so neanche come possa fare a trovarne così”, ma anche il tonno sarebbe difficile da mandare giù con la crema...[Prosegui la lettura]

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Stevia, dolcificante naturale. Ma non esagerare

 

stevia.jpg

 

Tra i dolcificanti, sta prendendo sempre più piede la stevia, un edulcorante naturale con un “potere addolcente” fino a 300 volte superiore a quello dello zucchero. Attenzione però: anche se naturale, la stevia rimane pur sempre un additivo. È quindi meglio non esagerare.

 

 

Il suo consumo sta aumentando sempre di più. A differenza di altri dolcificanti come l’aspartame e la saccarina, infatti, la stevia è un edulcorante naturale di origine vegetale. Ha un “potere addolcente” fino a 300 volte superiore a quello dello zucchero da cucina, con il vantaggio di avere zero calorie. In Europa la sua commercializzazione è stata autorizzata nel 2011, dopo che l’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) ha stabilito che la stevia non è né cancerogena né tossica. La si può trovare negli scaffali dei supermercati tra i dolcificanti da tavola o nella lista degli ingredienti di alimenti light, indicata con la sigla E 960.
 
Meglio non esagerare
 
Anche se naturale, la stevia rimane pur sempre un additivo. Valgono quindi le stesse raccomandazioni date dall’Inran (l’Istituto nazionale di ricerca per gli alimenti e la nutrizione) per tutti gli altri edulcoranti: non darli ai bambini sotto i tre anni e non usarli durante la gravidanza e l’allattamento. Limitare il consumo di questi prodotti è importante anche per gli adulti: non è detto, infatti, che un alimento sia più sano solo perché è dolcificato con un ingrediente diverso dallo zucchero.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ITALIAONLINE LANCIA L’APP DI FOODINITALY
Foodinitaly.jpg

 

Pubblicato il: 04/08/2015 13:01

Milano, 4 agosto 2015 - Italiaonline, la prima internet company italiana, lancia l’app di FoodInItaly, il portale nato in primavera che mette in rete tutte le eccellenze agroalimentari del Paese, con l’obiettivo di diventare un’importante vetrina internazionale oltre che il punto di riferimento digitale per le migliaia tra operatori e consorzi di tutela dei prodotti certificati.

L’app, già scaricabile sia da Google Play Store che da App Store , permette di consultare in mobilità nel modo più rapido ed efficace tutti i prodotti tipici italiani divisi per regione, certificazione e categoria, di sapere dove poterli acquistare e di conoscere le ricette e le tradizioni di ogni area geografica del Belpaese. E’ gratuita e disponibile in inglese e italiano, in linea con l’impronta internazionale di FoodInItaly.

 

Continua a leggere....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Antiche erbe contro l’obesità


dlxJS3v.png


 


Il problema dell’obesità è un problema che riguarda molti, senza contare quelli che dopo le feste si pongono il problema dei chili di troppo, e in tanti sono disposti a ogni tipo di rimedio per perdere peso (eccetto forse che condurre una vita sana e mangiare in modo equilibrato, sembrerebbe). In Inghilterra negli ultimi anni ha avuto grande successo un erba, il “pisello della salute”, che è stata adottata come cura dimagante.


 


Ciò che rende curiosa la vicenda è che tutto è nato con il ritrovamento di un antico manoscritto, dove era riportato che Carlo II d’Inghliterra, nel XVII secolo, la faceva usare come pozione dimagrante alle sue amanti, e di altri in cui erano anche indicati i metodi di preparazione utilizzati dai monaci.


 

In realtà l’effetto di queste piante...[Prosegui la lettura]


 


 


La generosità dipende dall’alimentazione


 


aBKZ8r5.png


 


Si dice che “si è quel che si mangia”, ma se indubbiamente una sana alimentazione è fondamentale sulla salute, è meno ovvio che possa avere effetti anche sulla personalità.


 

Secondo uno studio, la generosità è strettamente legata all’alimentazione: in particolare, la “caritatevolezza” sarebbe legata ai livelli di serotonina, un neurotrasmettitore legato alle sensazioni di benessere. I ricercatori hanno somministrato a dei volontari del L-Tryptophan, un integratore alimentare che è il precursore biochimico della serotonina. Ad una parte del campione è stato invece somministrata una sostanza neutra, per verificare la presenza di eventuali effetti placebo.

 

I partecipanti venivano poi...[Prosegui la lettura]

 

L’odore di pesce rende le persone più sospettose

 

MZyrpDs.png

 

 

Quando una storia non convince, in italiano si dice che “puzza”. In inglese, e molte altre lingue, si usa il termine fishy, che significa “odorare di pesce”. A quanto emerge da una ricerca scientifica, l’uso di questo termine non sarebbe infondato, dato che l’odore di pesce (ma i cattivi odori in generale) aumenterebbero la diffidenza delle persone rispetto alle storie che sentono raccontare.

 

I ricercatori hanno fatto ascoltare ad una serie di domande e risposte ad un gruppo di volontari, ad una parte dei quali era stato fatto sentire odore di pesce. Lo scopo era verificare quanti avrebbero notato distorsioni semantiche in ciò che sentivano, del tipo della cosiddetta “Illusione di Mosè”.

 

L’”illusione di Mosè” si ha quando...[Prosegui la lettura]

 

 

Il piatto più colossale del mondo: cammello ripieno di agnello ripiena di pollo ripieno di pesce

 

cammello-ripieno-500x310.jpg

 

“Ho tanta fame da mangiarmi un cammello” è un’affermazione esagerata per esprime il proprio appetito. Ma non arriva nemmeno ad una frazione dell’abbondanza di quello che anche il Guinness dei Primati ha riconosciuto come il piatto più colossale del mondo. Perché in questo caso il cammello ha come ripieno un agnello, a sua volta ripieno di pollo, a sua volta ripieno di pesce (o uova sode, a seconda della variante della ricetta).

 


Si tratta di un piatto beduino, la cui cottura (prevalentemente allo spiedo, ma può essere anche bollito) richiede fino a 24 ore, ed è in grado di sfamare anche un centinaio di persone.

 

La lista degli ingredienti fa decisamente impressione:

 

1 cammello (di dimensioni medie)

1 agnello (grande)

20  polli di dimensione media

60 uova

12 kg di riso

2 kg di pinoli

2 kg di mandorle

1 kg di pistacchi

2,2 kg di pepe nero

sale a piacere

Nonostante diverse varianti della ricetta siano...[Prosegui la lettura]


Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

 

Il piatto più colossale del mondo: cammello ripieno di agnello ripiena di pollo ripieno di pesce
 
cammello-ripieno-500x310.jpg
 
“Ho tanta fame da mangiarmi un cammello” è un’affermazione esagerata per esprime il proprio appetito. Ma non arriva nemmeno ad una frazione dell’abbondanza di quello che anche il Guinness dei Primati ha riconosciuto come il piatto più colossale del mondo. Perché in questo caso il cammello ha come ripieno un agnello, a sua volta ripieno di pollo, a sua volta ripieno di pesce (o uova sode, a seconda della variante della ricetta).
 
Si tratta di un piatto beduino, la cui cottura (prevalentemente allo spiedo, ma può essere anche bollito) richiede fino a 24 ore, ed è in grado di sfamare anche un centinaio di persone.
 
La lista degli ingredienti fa decisamente impressione:
 
1 cammello (di dimensioni medie)
1 agnello (grande)
20  polli di dimensione media
60 uova
12 kg di riso
2 kg di pinoli
2 kg di mandorle
1 kg di pistacchi
2,2 kg di pepe nero
sale a piacere
Nonostante diverse varianti della ricetta siano...[Prosegui la lettura]

 

 

Con le mie note abilità culinarie non dovrei avere alcun problema a cucinarlo. L'unica difficoltà potrebbe stare nel reperire un cammello... Dove cavolo lo vado a pescare un cammello?!  :ymmio:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Caffe-10-buoni-e-sani-motivi-per-berlo_h  

 

Il caffè non fa male al cuore, uno studio smentisce la credenza.

Smentita una delle più diffuse credenze sul caffè: non porta a battiti cardiaci 'extra', garantiscono i ricercatori dell'Università della California a San Francisco (Usa).

 

"Le raccomandazioni cliniche contro il consumo regolare di prodotti contenenti caffeina per prevenire disturbi del ritmo cardiaco dovrebbero essere riconsiderate, dato che potremmo aver scoraggiato senza motivo il consumo di alimenti come il cioccolato, il caffè e il tè, che invece potrebbero avere benefici cardiovascolari", ha sottolineato l'autore senior del lavoro, Gregory Marcus.

 

Fonte: Panorama

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

mah mah io è almeno da un anno che ho smesso di bere caffè normale, lo prendo solo decaffeinato, e quando per sbaglio mi è capitato che mi dessero del caffè normale a mia insaputa me ne son accorta proprio dall'aumento dei battiti cardiaci O_O la differenza è proprio inconfondibile in me, quindi boh ho qualche dubbio sulla garanzia dei ricercatori della california

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×