Vai al contenuto
Sakura

La vostra forma d'arte preferita

Recommended Posts

Parlate qui della vostra forma d'arte preferita e del motivo per cui vi ha tanto conquistato.

Sia che questa riguardi la pittura, la scultura, l'architettura, la concept art. Ogni forma d'arte è valida parlatene e se è pressochè sconosciuta fatecela consocere voi!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mi piacciono più forme d'arte e quindi di espressione. Però, non potendo fare tutto nella vita, fin da piccolo porto avanti specialmente quella del disegno.

Il disegno mi affascina per la possibilità di poter rappresentare qualsiasi cosa e in infiniti modi.

Io personalmente l'ho sempre usato come valvola di sfogo. Mi piacciono soprattutto le bozze fatte con pochi tratti.

Sono un ragazzo parecchio emotivo e istintivo, in altre parole i miei stessi sentimenti significano tutto per me.

Disegnare personaggi allegri, innamorati, fuoriosi... ecc... quando anche noi lo siamo, è molto interessante.

Inoltre mi piace concretizzare momenti, personaggi e storie che mi emozionano già solamente pensandoli.

Anche se il disegno lo apprezzo in più forme, con gli anni ho trovato che lo stile più adatto a come voglio rappresentare qualcosa sia quello fumettistico, più che altro manga...ma non necessariamente: sarei pronto a cambiarlo in qualsiasi momento, se me la sentirò.

Tra gli autori più conosciuti mi piacciono Masashi Kishimoto (Naruto), Tite Kubo (Bleach) e Tetsuya Nomura (Kingdom Hearts e Final Fantasy)

Ecco, il mio avatar attuale è ripreso da un mio disegno passato, se può interessare.

Altra forma d'arte che trovo interessante è la musica, però specialmente quella classica tradizionale e quella moderna (colonne sonore).

Sono comunque aperto a qualsiasi genere, l'importante e che mi piaccia.

Ho studiato violino per quasi 3 anni. Poi ho smesso per mancanza di tempo anche se ogni tanto lo riprendo per svagarmi un pò e suonare ad orecchio colonne sonore.

La loro composizione, è un aspetto magnifico. Più ricorrentemente mi piacciono i compositori Hans Zimmer, Danny Elfman e Yoko Shimomura, ma in realtà anche tanti altri.

Uscendo dalla classica mi piacciono molto i Rhapsody of Fire. Gruppo italiano, purtroppo non molto conosciuto. I loro brani hanno diversi tratti da colonna sonora in stile epico.

Il doppiaggio è anch'esso parecchio interessante. Rende vivi anche i personaggi non esistenti, come quelli dei film d'animazione.

Per esempio il doppiaggio di Death Note è magnifico. In casi come questi, preferisco godermi l'audio italiano rispetto a quello, seppur originale, giapponese.

Questo perchè sono italiano. Altrimenti stessa cosa per i doppiatori giapponesi o... francesi... insomma, il concetto rimane. Ma essendo italiano, sono di parte ^^

Il lavoro che sta dietro all'animazione è grandioso. Esempio, in un episodio di Bleach in cui combattono: ai nostri occhi nemmeno ci rendiamo conto di velocissimi frammenti/disegni però realizzati con la stessa cura di quelli in scene più lente!

Quindi è bello stoppare e vedersi quei frames disegnati che solitamente, a velocità piena, l'occhio umano non vede.

è un lavorone molto rispettabile quello dell'animatore. Come può essere anche con la tecnica dello stop motion ad esempio.

Queste sono le forme d'arte a me più care.

Più lontane mi sono invece quelle puramente tecniche e meno libere: disegno tecnico come in architettura.

Mentre ne posso capire meglio altre come la scultura o la poesia.

Io credo che l'arte debba servire prima di tutto alla persona. Poi il fatto di piacere agli altri è un altro passo facoltativo.

Che artista ci si nasca o meno non ha importanza. Importante è invece, che ruolo gioca l'arte nella nostra vita di tutti i giorni.

Infatti con questo messaggio, ritengo di avervi già detto chi sono.

GiosukeKun

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io invece sono abbastanza diverso dai soliti, a me piacciono tantissimo Manga e quadri Giapponesi, ma facendo REALMENTE pena a disegnare(purtroppo sono completamente negato) mi sono dato alla programmazione, con la programmazione mi sto impegnando per creare Personaggi e paesaggi che siano capaci di esprimere quello che ho nella mia testa ma che le mie mani non sono capaci di fare.

Aggiungo anche che sono mentalmente portato per la programmazione quindi è stata come la mia via di fuga dai miei limiti fisici :sisi:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La mia forma d'arte preferita invece è la pittura. Amo moltissimo la meraviglia che si riesce a creare con i colori e la sapienza con cyui si creano le sfumature al fine di creare un paesaggio unico.

Un altra cosa che amo della pittura sono i giochi con la prospettiva le luci e le ombre, il riuscire a dare fedeltà a fenomeni naturali con ils emplòice ausilio dei colori.

Credo che la pittura sia qualcosa di davvero unico.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

I manga a tutti gli effetti sono una forma d'arte anche se purtroppo non gli si considera come tali ma solo per l'appunto "fumetto"

 

c'è molta riduttività di opinione su questa materia temo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

In assoluto l'arte pittorica e in misura minore quella scultorea :sisi:

Tra i pittori del passato mi hanno conquistata in particolar modo Caravaggio e Rubens.

Adoro in particolar modo osservare come vengono dipinte le mani. A mio parere parte della bravura di un artista si evince da quello.

Mi piacciono soprattutto i dipinti a soggetto ottocentesco, ma in realta` e` una prefereneza minore. Ogni quadro ha una storia, un tecnica. Ogni quadro e` apprezzabile.

Tra gli scultori invece Canova, con la sua famosa "Amore e Psiche" :sisi: E come non parlare poi della Pietas di Michelangelo?

Appena posso vado a vedermi mostre e musei. Ci sto dentro le ore :sisi: Sono dovuta tornare al Louvre per 4 giorni di seguito. E cmq non ho visto tutto. Ma penso sia cmq impossibile :sisi:

 

Invece non amo la fotografia e il teatro. La prima non mi ispira niente, il secondo mi annoia.

 

Bel thread sakura :ciao:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Adoro la scultura :sifua: quando sono stata in Grecia ho visto certe meraviglie e ne sono rimasta affascinata.

 

Del resto, vivendo a Firenze, e visitando Roma moltissime volte non posso che confermare che questa forma d'arte è in cima tra le mie preferite :sasa: 

 

Mi piace anche la pittura. A Parigi ho visitato Louvre, un esperienza che si deve fare, almeno una volta nella vita. Mi colpisce molto la pittura fiamminga, quei colori forti e i toni decisi mi stuzzicano l'immaginazione :sifua: 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Probabilmente da "aspirante scrittrice" dovrei dire che la mia forma d'arte preferita è la scrittura. Però non è così :tsk: in quanto trovo la parola limitata e limitante! Si tratta di una forma d'arte neppure paragonabile al potere evocativo della pittura o della musica. E l'immaginazione non basta per compensare le mancanza della scrittura. Spesso mancano le parole per esprimere un concetto che con la musica può essere "fatto sentire" e con la pittura/scultura può essere "mostrato"!

:sisi: Detto questo, io sono una seguace della musica come forma d'espressività suprema. 

Forse sono stata condizionata dall'aver iniziato a studiare pianoforte dai 4 anni, ma la passione si è evoluta così tanto che al liceo, potendo scegliere tra studiare storia dell'arte e storia della musica, scelsi storia della musica. Ed è stata una delle migliori decisioni della mia vita. Ho scoperto tanti compositori semi-sconosciuti e delle musiche che trasmettono tanta emotività da farmi chiedere come fosse possibile che la mano umana potesse comporre tali cose. Mi affascina l'architettura di uno spettacolo musicale (declinato in tutte le sue forme), l'intenso lavoro che c'è dietro, la struttura della composizione, delle note, di come dei simboli possano racchiudere tutti i sentimenti possibili e immaginabili. E soprattutto adoro la sua versatilità, come una stessa melodia si adatti a vari stati d'animo e momenti e come per persone diverse abbia significati diversi. 

@GiosukeKun Fan a vita dei Rhapsody  :addoctina:

 

Comunque non mi dispiace la pittura (anche se sono completamente ignorante e giudico un dipinto in base a ciò che mi trasmette) e mi piace un sacco passare il tempo nei musei, mi trasmettono una tale sensazione di relax e tranquillità. Uno dei musei più belli che abbia visitato è quello di Budapest e lì ho avuto la possibilità di visitare una mostra di Helmut Newton. Non avevo mai pensato alla fotografia come una vera e propria arte, ma dopo aver visto quegli scatti sono rimasta così impressionata che ho provato a fare degli "esercizi" in cui provavo a descrivere le sue foto e mi sono resa conto di non riuscire a esprimere neppure la metà di quel che avrei voluto (se non trasferendo su carta tutti i "cioè, quindi, appunto" e gli innumerevoli balbettii che facevo cercando di "spiegarle").

 

Da lettrice di manga, apprezzo lo stile, in cui ogni tanto provo a cimentarmi. Ultimamente però, ho iniziato a leggere comics e in particolare sono "ossessionata" dai lavori di Lan Medina e Leialoha. Dopo aver finito di leggere una pagina passo un sacco di tempo a fissare i disegni e i dettagli, cosa che con i manga non mi capita quasi mai, con esclusione di tavole che mi colpiscono particolarmente  :sisi:

 

Poi...Quoto quanto detto da Adenina su Canova. Nella mia assoluta profanità (e dai miei residui scolastici) adoro la "morbidezza" (non saprei come chiamarla) delle curve. Insomma, non sembrano statue, ma dei corpi veri, che a toccarli risulterebbero...Morbidi, appunto! 

 

Diciamo che questo è quello che mi piace di più, ma a me l'arte piace tutta. Adoro il cinema, il teatro, e perché no, i videogiochi e per me (praticandolo) anche il karate è arte  :sisi: La fluidità dei gesti, l'eleganza dei movimenti e anche la coreografia che c'è dietro... :asd: Può sembrare abbastanza assurdo ma per me non ha niente da invidiare ad un balletto :sgrat:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Harumina cucciolina :addict: non definire la scrittura  mia adorata riduttiva! Altrimenti di addio alla cioccolata .scrut:

 

Io come già detto amo moltissimo la pittura il vedutismo veneziano in particolar modo e la concept art di paesaggi fantasy in inglese chiamanta landscapes fantasy art

Del vedutismo veneziano adoro il sapiente gioco di prospettiva  e il sapiente uso di luci e colori

Il colore è sempre stato qualcosa che mi affascina ma anche il realismo dell'immagine nel senso della comunicatività.

 

Adoro anche la scrittura ma il disegno di apesaggi è qualcosa che mi toglie il fiato letteralmente se il gioco di prospettiva luci e ombre è ben fatto, inoltre  permette di dare forma anche alla creatività in scrittura.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non sono d'accordo Haru :nini: 

 

Penso che la scrittura siamo una delle forme d'arte più espressive. :sasa:

 

Esempio: Io vedo delle montagne e le descrivo magnifiche, un scrittore nel proprio libro le descriverebbe attribuendole strati di significato che una semplice immagine, o meglio il semplice atto di guardarle, non potrebbe aggiungere :nini:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io non ho mai detto che la scrittura è riduttiva: ho detto che è limitata e limitante, giudizio espresso basandomi sulla mia esperienza di "scrittrice" più che di lettrice. Però, considerando l'esperienza di lettura, appunto, non posso non pensare che spesso ho letto quello che volevo leggere, ho immaginato cose che volevo immaginare e in generale mi sono costruita un racconto mentale del testo. Questo perché è difficile trasferire su carta un'emozione, uno stato d'animo, quando in musica può essere espressa con un accordo dissonante e in pittura con una particolare sfumatura di colore. Non so esattamente come esprimere questa cosa (ecco, appunto, la limitatezza) ma con la scrittura per me è prima di tutto sofferenza, ergo non posso includerla tra la mia forma d'arte preferita. La scrittura non è nient'altro che un insieme di simboli. E non è neppure universale come la musica; per esempio: se io scrivessi una qualsiasi cosa, non arriverebbe ad un coreano, a un inglese o a un africano nello stesso modo. Non arriverebbe in maniera "pura" come un suono o un quadro o una foto che sono appunto, universali e non modificabili se non nelle diverse interpretazioni del lettore. L'unica cosa artistica nella scrittura è l'esteriorità del libro, l'architettura del testo, lo studio dei fascicoli, della filigrana, ma anche del carattere usato, e per andare meno sul sottile, della punteggiatura, delle scelte di porre una parola ad occupare tutto il rigo o di usare il grassetto.

In pratica, io ho parlato di scrittura, non di lettura. E per me, sono due cose profondamente diverse e poco paragonabili.

 

P.S Questo è un parere davvero molto personale  :sisi:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io non ho mai detto che la scrittura è riduttiva: ho detto che è limitata e limitante, giudizio espresso basandomi sulla mia esperienza di "scrittrice" più che di lettrice. Però, considerando l'esperienza di lettura, appunto, non posso non pensare che spesso ho letto quello che volevo leggere, ho immaginato cose che volevo immaginare e in generale mi sono costruita un racconto mentale del testo. Questo perché è difficile trasferire su carta un'emozione, uno stato d'animo, quando in musica può essere espressa con un accordo dissonante e in pittura con una particolare sfumatura di colore. Non so esattamente come esprimere questa cosa (ecco, appunto, la limitatezza) ma con la scrittura per me è prima di tutto sofferenza, ergo non posso includerla tra la mia forma d'arte preferita. La scrittura non è nient'altro che un insieme di simboli. E non è neppure universale come la musica; per esempio: se io scrivessi una qualsiasi cosa, non arriverebbe ad un coreano, a un inglese o a un africano nello stesso modo. Non arriverebbe in maniera "pura" come un suono o un quadro o una foto che sono appunto, universali e non modificabili se non nelle diverse interpretazioni del lettore. L'unica cosa artistica nella scrittura è l'esteriorità del libro, l'architettura del testo, lo studio dei fascicoli, della filigrana, ma anche del carattere usato, e per andare meno sul sottile, della punteggiatura, delle scelte di porre una parola ad occupare tutto il rigo o di usare il grassetto.

In pratica, io ho parlato di scrittura, non di lettura. E per me, sono due cose profondamente diverse e poco paragonabili.

 

P.S Questo è un parere davvero molto personale  :sisi:

Tessora ovvio che scrittura e lettura siano differenti ma perchè è differente come le vivi. Tu non tieni conto di una cosa ovvero che la scrittura  che leggiamo è la stessa che scriviamo. Sono le nosttre capacità e la profondità con cui sappiamo vedere il mondo e l'animo umano che permettono di riuscire ad esprimere appieno una situazione o un paesaggio o anche una musica.

Il riuscire a rendere tutto questo con le parole equivale a creare un quadro di vedutismo veneziano dove si notano colori, sfumature, luci e ombre e dove si percepisce la profondità e la sostanza. Certo non è affatto semplice il riuscire a renderli appieno ma è quella la magia della scrittura.

Ci sono regole da seguire, segreti da imparare e ragionamenti da fare ma alla fine ogni fatica si trasforma in un momento di emozione e un rinnovarsi di curiosità ed interesse verso tanti argomenti.

Ed è anche il motivo per cui mi impunto sull'immaginare e sul progettare  :scrut: ma per  certe pesone " dire immagina equivale a bestemmia" ok mi cucio la bocca e non faccio più polemica vah.. ma ogni volta che vedo sezione scrittura mi viene da sola :supeo: ..Lasciamo perdere l'ot che ho fatto, tanto la realtà è solo una e non cambia anche se non la si vuol ammettere  e torniamo a parlar d'arte che è meglio,

Io personalmente penso che ogni forma d'arte permetta di vedere  una sfumatura diversa della creatività e che tutta possa essere traspostra in parole.Bisogna riuscire ad osservare l'atre con cura per sentirla e trasformarla in parole.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La forma d'arte che in primis preferisco è la musica. Mi piace lasciarmi ispirare, immaginare le storie, i ricordi, tutto ciò che la mente può creare su una melodia. Lo trovo davvero bellissimo. Poi metto al secondo posto la cinematografia, mi coinvolge molto di più di un libro o di un quadro :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La forma d'arte che preferisco è la musica, ma mi piace molto anche la fotografia perchè immortalano l'arte intrinseca nella natura stessa :mki:

 

@AnnaTakumi Pasticcinamiascultrice ti manca di visitare Napoli :addipeo:

 

Dopo che ti sei laureata ( la leggenda narra che porti sfortuna visitare tale chiesa prima di essersi laureati :zizi: ) vai nella Cappella Sansevero nel centro di Napoli ad ammirare una delle opere scultorie più belle al mondo :sasa:

 

3.jpg

 

 

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

vai nella Cappella Sansevero nel centro di Napoli ad ammirare una delle opere scultorie più belle al mondo :sasa:

 

3.jpg

 

 

 

 

 

 

Sono andato a vederlo ed è qualcosa di magnifico  :fumore:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Domanda difficilissima questa :omg: Premesso che bene o male apprezzo un po tutte le forme d'arte ti direi l'architettura e il disegno in generale, in tutte le sue forme e sfaccettature quindi.
Parlando dell'architettura posso dirti che mi ha sempre affascinato tantissimo, specialmente quella che riguarda le opere più antiche, quelle stesse opere dalle quali possiamo vedere ciò che siamo stati e cosa siamo stati in grado di costruire e fare in passato, ecco perche ritengo sia importantissimo investire affinché queste opere vengano restaurate e conservate in maniera ottimale, cosi da evitare di "perderle" durante gli anni avvenire (ogni riferimento a pompei è puramente casuale).  Apprezzo moltissimo anche le opere architettoniche più recenti/moderne come ad esempio il museo Maxxi di Roma, l'hotel Burj al arab, le petronas towers e il teatro dell'opera di Sydney, opere che però, per ovvi motivi, non hanno e non avranno mai il fascino e la storia che può avere un colosseo o un partenone.


Di seguito vi lascio qualche immagine di alcune delle mie opere architettoniche preferite

Spoiler

Colosseo

colosseo.jpg

 

Partenone

partenone3.jpg

 

Sagrada famili

SAGRADA-FAMILIA-COP.jpg

 

Cremlino

cremlino-mosca.jpg

 

Torre di Pisa

1-la-torre-di-pisa.jpg

 

Burj al arab

Burj-Al-Arab-5.jpg

 

Stazione spaziale

s133e010447.jpg

 

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×