Recommended Posts

234081_cops_0.jpg

 

 

Arrival è un film di fantascienza diretto da Denis Villeneuve e basato sul racconto Storia della tua vita di Ted Chiang.

Il film è stato presentato il 2 settembre 2016 in concorso alla 73° Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia.

 

 

Titolo originale: Arrival
Lingua originale: inglese
Paese di produzione: Stati Uniti d'America
Anno: 2016
Durata: 116 min
Genere: fantascienza
Regia: Denis Villeneuve
Sceneggiatura: Eric Heisserer

Fotografia: Bradford Young
Montaggio: Joe Walker
Musiche: Johann Johannsson

 

 

INTERPRETI E PERSONAGGI
Amy Adams: Louise Banks
Jeremy Renner: Ian Donnelly
Forest Whitaker: colonnello Weber
Michael Stuhlbarg: agente David Halpern
Tzi Ma: generale Shang
Mark O'Brien: capitano Marks

 

 

TRAMA

Alcune navicelle aliene sbarcano in tutto il mondo. La dottoressa Louise Banks (Amy Adams), esperta linguista, viene reclutata dalle forze militari per scoprire se gli extraterrestri abbiano intenzioni pacifiche o meno.

 

 

TRAILER

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Lo reputo uno dei film più importanti della storia del cinema.

La comunicazione, intesa come atto di identificazione, è il fulcro di tutto il film. Alieni che hanno un modo di pensare e concepire la vita completamente diverso dal nostro e di conseguenza un metodo di comunicazione del tutto diverso.

 

Lo reputo un film importante perchè non parla affatto di alieni, questo film parla del genere umano e dei suoi limiti più di molti saggi filosofici.

 

Il punto più bello del film è quando la dottoressa Banks, dopo aver studiato e acquisito la capacità di scrivere nella lingua aliena, si rende conto che queste creature non concepiscono il tempo in modo sequenziale, ma in modo simultaneo.

Passato, presente e futuro per loro non esiste. Vivono sapendo tutto della loro vita dal momento in cui nascono.

Succede che la Banks "acquisisce" questo dono nel momento in cui inizia ad utilizzare il linguaggio alieno ed ella stessa inizia ad avere visioni del suo futuro, di una sua ipotetica figlia, di un suo ipotetico marito. Il messaggio è che il linguaggio cambia il nostro modo di vedere le cose***.

 

Sono stato sicuramente contorto ma è un film contorto e non sono riuscito a fare di meglio, ci tenevo però a dire la mia. E' un film profondo che cerca di analizzare determinati concetti come determinismo e libero arbitrio.

Concepiamo la nostra vita seguendo uno schema di causa-effetto. Ma se così non fosse? Se domani mi svegliassi conoscendo tutti gli eventi della mia vita, sia quelli belli sia quelli negativi, riuscirei a trovare il coraggio di continuare a vivere?

 

***per maggiori info.

 

Ah, quasi dimenticavo, se vi è piaciuto non potete assolutamente non leggere il racconto da cui è tratto (Storie della tua vita, che si trova nell'omonimo libro). Il racconto è molto più chiaro, più bello, più emozionante ed è un maledetto capolavoro.

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 4/4/2017 at 23:07, Mukenin dice:

il linguaggio cambia il nostro modo di vedere le cose

 

Penso che hai perfettamente riassunto il senso del film con questa frase :sasa: 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Arrival lo vidi al cinema, penso rappresenti perfettamente come un film dovrebbe essere, zero spiegoni ma tutto comprensibilissimo grazie a vari momenti particolari che stimolano a fare semplicemente 2+2.

Tutto il resto l'ha già detto Mukenin.

 

A questo punto sono fiducioso anche per Blade Runner 2049 xD

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora