Recommended Posts

daitarn_3.jpg
Daitarn 3 (無敵鋼人ダイターン3 Muteki kōjin Daitān 3?, letteralmente: "Daitarn 3, l'invincibile uomo d'acciaio")[1], conosciuto anche come L'imbattibile Daitarn 3[2], è una serie anime televisiva giapponese di genere mecha, prodotta dalla Sunrise e creata da Yoshiyuki Tomino, autore anche di Gundam, con il mecha design di Kunio Ōkawara e le musiche di Takeo Watanabe e Yūshi Matsuyama.
La serie, composta di 40 episodi, fu realizzata nel 1978, e trasmessa per la prima volta in Italia nel 1980.
 
Trama

All'inizio del XXI secolo, strani avvenimenti e sparizioni misteriose di persone iniziano ad accadere sulla Terra. Dietro ci sono i Meganoidi, cyborg creati su Marte dal professor Haran Sozo, sfuggiti al suo controllo. A capo della loro collettività ci sono il malvagio Don Zauker (Don Zauser nell'originale giapponese), una sorta di mostro di Frankenstein che si esprime in modo inintelligibile, e Koros, un'inquietante cyborg femminile dal fascino glaciale.
I Meganoidi vogliono schiavizzare l'umanità e trasformare i "migliori" esemplari in Meganoidi. Hanno sviluppato una tecnologia sorprendente con la quale hanno realizzato le Macchine della Morte, una strana sorta di astronavi/robot, spesso dotate di immense mani, che rende i Comandanti Meganoidi in grado di trasformarsi in Megaborg, enormi robot da combattimento.
A contrastare i loro piani c'è Haran Banjo, il figlio del professor Sozo, che pilota il gigantesco robot trasformabile Daitarn 3. Lo affiancano Garrison Tokida (maggiordomo tuttofare) e Beauty Tachibana (bionda mozzafiato, figlia di un famoso imprenditore ex-socio in affari del padre di Banjo). A loro presto si aggiungono Reika Sanjo (ex agente dell'Interpol) e il piccolo Toppy (orfano salvato da Banjo).
La trama si sviluppa in maniera episodica. A poco a poco si svela il passato di Haran Banjo, la sua spettacolare fuga da Marte con i Meganoidi alle calcagna e le ragioni del suo odio per loro. Una serie di mirabolanti avventure e combattimenti, che spaziano dalla fantascienza all'avventura e all'horror, conducono Banjo e i suoi compagni a sostenere la battaglia finale, nel disperato tentativo di sventare il folle piano di Koros, che vuol far collidere Marte con la Terra.

 
Personaggi

Gli eroi
Banjo Haran (破嵐 万丈 Haran Banjō?)
28 anni, il protagonista. Forte, giovane, atletico, affascinante, carismatico, simpatico, caratteristici capelli sul blu, rappresenta una sorta d'incrocio tra gli eroi dei film di arti marziali, delle quali si dimostra formidabile maestro (uccide una quantità sterminata di meganoidi anche a mani nude, forte del concetto che «l'uomo è superiore alla macchina»), e un agente segreto alla 007, cosicché gli episodi, come anche le scene d'azione, sono ispirati a entrambi i modelli. A rendere Banjo interessante è soprattutto l'odio irriducibile per i meganoidi: pochissimi scampano alla sua furia distruttiva, perché «il mio obiettivo è di uccidere il maggior numero di meganoidi possibile».
Reika Sanjo (三条 レイカ Sanjō Reika?)
ex agente segreto dell'Interpol. Sagace, intelligente, avveduta, molto affascinante, anche se non appariscente ed esuberante quanto Beauty.
Beauty Tachibana (ビューティフル・タチバナ Byūtifuru Tachibana?)
detta "Beauty" (ビューティ Byūti?): la bellissima assistente. Svampita, maggiorata, dolce biondona, ricorda non poco Marilyn Monroe e nella trama ricopre spesso ruoli assai sexy, suscitando la gelosia della meno appariscente Reika. La doppiatrice italiana è Rosalinda Galli, la stessa di Lamù e di Venusia.
Garrison Tokida (ギャリソン時田 Gyarison Tokita?)
il maggiordomo tuttofare. Ricorda il maggiordomo di Batman e s'intuisce un passato da persona atletica ed energica. È il factotum educato, gentile, discreto e infaticabile, sempre elegante e modesto, ma signorile fino al manierismo (con tanto di cappello a cilindro). Più che maturo, è un signore quasi anziano, ma ancora in forma e vanta il grado di tiratore scelto.
Totta "Toppy" Toda (戸田 突太 / トッポ Toda Totta / Toppo?)
l'orfanello sempre nei guai, contribuisce quasi sempre alle note divertenti della trama.
I nemici
I meganoidi (メガノイド Meganoido?)[3] erano originariamente esseri umani, meccanizzati e resi cyborg a servizio degli uomini per lo sviluppo e colonizzazione del pianeta Marte; a partire da un certo momento in poi si sono però ribellati alle direttive dei loro creatori.
Don Zauker (ドン・ザウサー Don Zausā?)
il primo meganoide creato. Non fa altro che emettere dei suoni atoni, che Koros interpreta: nell'ultimo episodio si svelerà che non ha alcuna coscienza di ciò che gli dice Koros. Ha un aspetto orribile, con un cervello bio_sintetico sistemato in una cupola trasparente. La sua forma di Megaborg è colossale, tanto da surclassare il Daitarn stesso.
Koros (コロス Korosu?)
il Comandante Supremo dei Meganoidi. Bella, volitiva, con lunghissimi capelli rossi a treccia, è una spietata dittatrice che solo nell'ultimo episodio mostrerà debolezza di fronte alla sua fine. Nonostante il suo grado di Comandante, non si trasformerà mai, nemmeno nello scontro finale, in Megaborg.
Comandanti Meganoidi (コマンダー Komandā?)
possono mutare in Megaborg e sono molto diversi dai tipici nemici inquadrati militarmente di molte altre serie. Spesso sono terrestri divenuti cyborg volontariamente, sono spinti da motivazioni egoistiche che nulla hanno a che fare con lo scopo finale di Koros. Come ben evidenzia Banjo, hanno rinunciato alla loro umanità per ovviare a pecche fondamentali del loro carattere (megalomania, estrema insicurezza, maniacalità e così via).

 

Info

Lingua orig. giapponese
Paese Giappone
Autori Yoshiyuki Tomino, Hajime Yadate
Regia Yoshiyuki Tomino regia generale, Minoru Onadani regia episodi
Char. design Norio Shioyama, Ishikazu Okumi
Mecha design Kunio Ōkawara
Dir. artistica Mekaman
Musiche Takeo Watanabe compositore, Yūshi Matsuyama accordi
Studio Sunrise
Rete TV Nagoya
1ª TV 3 giugno 1978 – 31 marzo 1979
Episodi 40 (completa)
Aspect ratio 4:3
Durata ep. 22 min
Reti it. Rete A (prima visione, 1ª edizione), Odeon TV (repliche, 1ª edizione, dal settembre 1987), La 7 (repliche, 2ª edizione, dal 25 giugno 2001), Canal Jimmy (repliche, 2ª edizione, dal 18 novembre 2002), MTV (repliche, 2ª edizione, dal 5 dicembre 2006), Cooltoon (repliche, 2ª edizione, dal luglio 2007), Ka-Boom (repliche, 2ª edizione, dal 3 luglio 2013)
1ª TV it. 1980
Episodi it. 40 (completa)
Durata ep. it. 22'
Dialoghi it. Michele Gelli (secondo doppiaggio), Vincenzo Martella (secondo doppiaggio)
Studio dopp. it. Edizioni Miguel (primo doppiaggio), SEFIT-CDC (secondo doppiaggio)
Dir. dopp. it. Antonia Forlani (primo doppiaggio), Serena Verdirosi (secondo doppiaggio)
Genere mecha

 

Episodi

L'imbattibile Daitarn 3 è una serie anime televisiva giapponese di genere mecha, prodotta dalla Sunrise e creata da Yoshiyuki Tomino, autore anche di Gundam.
La serie, composta di 40 episodi, è stata realizzata nel 1978, e trasmessa per la prima volta in Italia nel 1980.

 

Sigla

Sigla d'apertura giapponese: Come Here! Daitaan 3 (カムヒア! ダイターン3 Kamu Hia! Daitān surī?), interpretata da Makoto Fujiwara; testo dell'"ufficio di progettazione della Nihon Sunrise" (日本サンライズ企画室 Nihon Sanraizu kikaku shitsu?), musica di Takeo Watanabe, arrangiamento di Yūshi Matsuyama;
Sigla di chiusura giapponese: Toppo de tango (トッポでタンゴ?), interpretata dai Koorogi '73; testo, musica e arrangiamento come per la sigla di apertura;
Sigla italiana: Daitan III, interpretata da I Micronauti, testo di Luigi Albertelli, musica e arrangiamento di Vince Tempera.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora