Recommended Posts

Uomo_tigre_sigla.jpg
 
L'Uomo Tigre (タイガー・マスク Taigā Masuku?, lett. "Tiger Mask"), talvolta citato anche come Tigerman, è un manga realizzato da Ikki Kajiwara (sceneggiatore) e Naoki Tsuji (character designer) e pubblicato nel 1969 in Giappone dalla casa editrice Kodansha.
Dal manga è stata poi tratta una serie animata, prodotta da Toei Animation, per un totale di 105 episodi, trasmessi in Giappone tra il 2 ottobre 1969 e il 30 settembre 1971, giunti anche in Italia dove la serie è stata doppiata e mandata in onda da varie emittenti locali a partire dal 1982. Nel 1981 è stato prodotto un sequel, Uomo Tigre II, di 33 episodi, prodotto sempre da Toei, creato dagli autori della prima serie coadiuvati da Junichi Miyata.
Entrambe le edizioni dell’opera, su carta e per il piccolo schermo, hanno riscosso un grande successo. Nel 2013 è uscito un film live action basato sulla serie. L'attore scelto per interpretare il protagonista è Eiji Wentz.
La popolarità del personaggio in Giappone è stata talmente grande da spingere diverse federazioni di wrestling a creare delle gimmick di Tiger Mask ispirate al personaggio del fumetto. Negli ultimi tempi si sono verificate in Giappone donazioni e regali anonimi destinati a orfanotrofi, firmati con il nome di "Naoto Date", reiterati da numerosi emulatori. Nel 2013 viene annunciato il live action dedicato all'Uomo Tigre.
 
Trama
Spoiler

Naoto Date è un orfano cresciuto dopo la seconda guerra mondiale. Un giorno, facendo visita a uno zoo insieme ai compagni di orfanotrofio, alla vista della gabbia con i grandi felini, capisce di voler diventare forte come una tigre per combattere le ingiustizie nei confronti degli orfani come lui. Allora scappa, lasciando i compagni attoniti, e incontra l'emissario della "Tana delle Tigri", un'associazione a scopo di lucro che addestra lottatori fortissimi provenienti da ogni parte del mondo. Si reca così sulle Alpi, dove ha sede la Tana delle Tigri, e lì trascorre i successivi 10 anni sottoponendosi ad allenamenti durissimi. Divenuto adulto Naoto comincia a combattere ferocemente, come gli è stato insegnato, e, dopo essersi fatto una fama di lottatore feroce in America dove viene soprannominato "Diavolo giallo", torna in Giappone. Ma esiste una legge della Tana delle Tigri, per cui ogni lottatore ha l'obbligo, per tutta la sua vita professionale, di dare la metà dei suoi compensi all'associazione. Chi disubbidisce è considerato traditore, e subisce punizioni terribili.
Naoto Date/Tiger Mask, tornato a visitare quello che era stato il suo orfanotrofio, decide di non rispettare l'obbligo nei confronti della Tana delle Tigri, e aiutare invece tutti gli orfani con il denaro vinto dagli incontri. Decide così di saldare il debito contratto dall'orfanotrofio con uno strozzino e inizia a combattere onestamente, anche per non influenzare negativamente i suoi giovani ammiratori. Comincia in questo modo un'interminabile serie di incontri all'ultimo sangue contro i sicari mandatigli dalla Tana delle Tigri, i quali cercheranno in tutti i modi possibili di punire il suo tradimento: hanno difatti ricevuto l'ordine tassativo di ucciderlo sul ring. Uomo Tigre lotterà con tutte le sue forze per liberarsi dalle spire malvagie di quest'organizzazione criminale.

 

Info

Spoiler

Regia Takeshi Tamiya supervisione generale
Char. design Keiichiro Kimura
Musiche Shunsuke Kikuchi
Studio Toei Animation
Rete TV Asahi
1ª TV 2 ottobre 1969 – 30 settembre 1971
Episodi 105 (completa)
Durata ep. 22 min
Rete it. Rete 4
1ª TV it. 1982
Episodi it. 105 (completa)
Durata ep. it. 22 min
Studio dopp. it. Bivision
Dir. dopp. it. Marco Bonetti

 

Episodi

Spoiler

La serie animata de L'Uomo Tigre, creata in Giappone nel 1969, venne mandata in onda sino al 1971 sulla Yomiuri TV grazie al lavoro della Toei Animation.
In Italia la serie è giunta negli anni 1980 grazie alla Play World Film ed alla Doro TV Merchandising.

 

Sigla

Spoiler

Sigla di apertura originale: Ike! Tiger Mask (行け!タイガーマスク Ike! Taigā Masuku?) di Hiroshi Nitta, testo di Nashio Kitani, composizione e arrangiamento di Junsuke Kikuchi.
Sigla di chiusura originale: Minashigo no ballad (みなし児のバラード Minashigo no barādo?) di Hiroshi Nitta, testo di Nashio Kitani, composizione e arrangiamento di Junsuke Kikuchi.
Sigla di apertura e chiusura italiana: L'uomo tigre dei Cavalieri del Re, scritta da Riccardo Zara e pubblicata nel singolo Angie/L'uomo tigre.

 

 
 
 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Gran bei ricordi, lo guardavo su italia 7 gold. Rivedendo i disegni ora sembra fatto col righello :rotfl:

Mah ti dirò la verita...preferisco 100 volte questi cartoni un po' più vecchi (goldrake, jeeg robot etc.) che tutte quelle cagate mainstream che stanno facendo negli ultimi anni.

 

Ah, e sono del '99, non conosco nessuno miei amici che conosca certe perle...sarò io quello strano, ma sti cartoni spaccano il culo al 99% degli pseudo-cartoni di oggi

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ne ho guardate molto puntate quando ero più piccolo, ma visto che le vedevo senza un filo logico, non mi ha mai appassionato :sasa:

Ora però, rileggendo la trama, lo sto rivalutando. L'inizio assomiglia quasi a Saint Seya (l'addestramento fin da piccoli in un luogo sperduto per diventare più forti etc) :mhm:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

il 1 ottobre iniziera' una nuova serie Tiger Mask W

 

Trama: La serie non sarà un remake dell'originale anime degli anni '60, bensì un seguito. Protagonisti della storia sono due giovani lottatori, Naoto Azuma e Takuma Fujii, che si allenano nella piccola federazione chiamata Zipang Pro-wrestling. Quando la loro federazione viene schiacciata da una malvagia federazione chiamata GWM (Global Wrestling Monopoly), dietro la quale si nasconde una rinata Tana delle Tigri, il destino divide i due ragazzi: Naoto, recatosi alle pendici del monte Fuji per allenarsi, indosserà i panni di Tiger Mask, deciso a sgominare la malvagia organizzazione; Takuma, invece, entrerà a far parte di Tana delle Tigri per distruggerla dall'interno, con l'identità di Tiger The Dark. In Tiger Mask W, la W come da consuetudine giapponese si legge "Double"
fonte: animeclick.it
 
 
Hypeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora