alex47ka

MULTI Call of Duty Saga

Recommended Posts

Callof_Duty_Logo.png

 

 

Call of Duty (conosciuta anche come CoD) è una popolare serie di videogiochi del tipo sparatutto in prima persona pubblicata da Activision Blizzard e sviluppata in rotazione da Infinity Ward, Sledgehammer Games e Treyarch. Attualmente è composta da undici capitoli ufficiali e da quattro spin-off. I giochi sono ambientati nella seconda guerra mondiale (Call of Duty; Call of Duty 2; Call of Duty 3; Call of Duty: World at War), in un'ipotetica guerra contemporanea (Call of Duty 4: Modern Warfare; Call of Duty: Modern Warfare 2; Call of Duty: Modern Warfare 3;), nella guerra fredda (Call of Duty: Black Ops) e in una guerra futura (Call of Duty: Black Ops 2; Call of Duty: Ghosts; Call of Duty: Advanced Warfare, Call of Duty: Black Ops 3). Quest'anno uscirá un nuovo capitolo della serie, prodotto dalla Treyarch, che prenderá il nome di Call of Duty: Black Ops 3, terzo capitolo della saga (uguale a tutti i precedenti) Call of Duty: Black Ops. L'anteprima mondiale di Call of Duty: Black Ops 3 si è svolta il 26.4.15
La serie, a novembre 2014, ha incassato più di 10 miliardi di dollari.
 

Call_of_Duty.png


Informazioni:
Sviluppo: Infinity Ward
Pubblicazione: Activision
Ideazione: / / /
Data di pubblicazione: 18 dicembre 2003 (JAP), 29 ottobre 2003 (Nord America), 7 novembre 2003 (EU)
Genere: Sparatutto in prima persona 
Tema: Seconda guerra mondiale 
Modalità di gioco: Singolo giocatore, multigiocatore
Piattaforma: Windows, Mac OS X, Telefono cellulare, N-Gage
Distribuzione: Mac App Store, PlayStation Network, Xbox Live, Steam
Supporto: / / /
 
Trama:
Durante la campagna statunitense, il giocatore impersona il soldato Joe Martin, un paracadutista della 101ª divisione aerotrasportata.
Il primo livello della campagna (e dell'intero gioco) consiste nello svolgimento di una sessione di addestramento militare. Il soldato Martin appartiene al 506º Reggimento di fanteria paracadutista (506th PIR), un'unità interamente costituita da volontari addestrati a Camp Toccoa in Georgia (negli Stati Uniti d'America) nel 1942. Il primo livello è ambientato proprio a Camp Toccoa, nella mattinata del 10 agosto 1942: qui il soldato Martin svolgerà (insieme ad un gruppo di commilitoni tra cui il soldato Elder, il quale verrà più volte incontrato in seguito) il percorso a ostacoli e l'addestramento al tiro sotto il comando del Capitano Foley e del Sergente Moody (l'ufficiale e il sottufficiale accompagneranno Martin anche sul campo di battaglia). Questa prima missione fungerà da avviamento anche per il giocatore reale, il quale entra in contatto con le meccaniche del gioco e inizia a familiarizzare con i suoi comandi.Il soldato Martin viene impiegato per la prima volta insieme al suo reggimento nell'ambito dell'operazione Overlord, lo sbarco in Normandia avvenuto il 6 giugno 1944 (il D-Day). Gli obiettivi assegnati alla 101ª divisione aerotrasportata dopo l'atterraggio nelle aree stabilite sono di mettere in congiunzione le spiagge della costa normanna Utah e Omaha catturando il passaggio sul fiume Douve (il cui estuario separa le due spiagge), per poi difendere i fianchi della spiaggia Utah dall'arrivo dei rinforzi tedeschi che saranno probabilmente mobilitati in vista di un contrattacco dopo l'invasione alleata. In particolare, alla compagnia Baker del 2º battaglione 506º PIR (la compagnia a cui appartiene il soldato Martin) è stata assegnata la difesa di una determinata strada presso il passaggio sul fiume Douve per impedire l'affluenza delle truppe nemiche sul luogo dello sbarco. Il soldato Martin, in quanto ricognitore della sua unità, atterrerà prima del grosso delle truppe aerotrasportate precedendo i commilitoni per installare sul terreno nemico dei radiofari, con lo scopo di segnalare agli altri piloti e paracadutisti le zone di atterraggio.La notte del 5 giugno 1944, mezz'ora prima del D-Day, viene lanciato il soldato Martin con il compito di sistemare i radiofari sul suolo nemico insieme al Sergente Heath (il cui paracadute rimane però impigliato ad un albero). Quando il grosso dei paracadutisti statunitensi raggiunge il soldato Martin, questi si rende conto di come nessuno si sia paracadutato nel punto in cui avrebbe dovuto. Egli stesso ha toccato il suolo in una zona in periferia della città di Sainte-Mère-Église, a ben 5 miglia di distanza della spiaggia Utah e dal punto di atterraggio prestabilito. Dopo aver messo al sicuro la zona dell'atterraggio (accompagnato da altri paracadutisti e supportato dai bombardamenti degli aerei alleati), Martin incontra alcuni soldati della compagnia Baker (tra cui il Capitano Foley) insieme ad alcuni membri delle compagnie Able, Dog e Fox. Ritrovatosi così molto lontano dal punto di atterraggio fissato, il gruppo decide di abbandonare gli obiettivi prestabiliti a causa dell'impossibilità di raggiungerli, prefiggendosi di occupare la vicina città di Sainte-Mère-Église (nella quale si suppone la presenza di due plotoni di paracadutisti tedeschi) e difendersi all'interno di essa fino all'arrivo di rinforzi alleati sbarcati sulle spiagge. Poco dopo la mezzanotte, alle prime ore del D-Day (il 6 giugno 1944), comincia l'attacco alla città, che si conclude in mattinata. Il gruppo organizza quindi la difesa di Sainte-Mère-Église, in previsione di una controffensiva tedesca. Infatti quella stessa mattina altri due plotoni di paracadutisti tedeschi insieme ad alcuni carri armati assaltano la città, supportati dal bombardamento dei mortai. Il gruppo di paracadutisti statunitensi, capeggiato dal capitano Foley, riesce a difendersi dall'attacco e neutralizza la postazione di mortai nemica. Poiché non si fanno vivi rinforzi e data l'impossibilità di contattare il comando alleato per la mancanza di una radio, il capitano Foley decide di inviare il soldato Martin insieme al soldato Elder e al sergente Moody (che in quella mattina si erano uniti al gruppo) al quartier generale della loro unità (stabilitosi nella città di Sainte-Marie-du-Mont) per informare il maggiore Sheppard che la loro unità ha sotto controllo il ponte e richiede rinforzi sulla sua posizione, nonché per avvisarlo della presenza di una batteria di artiglieria tedesca situata a Chef-du-Pont (poco a sud di Sainte-Mère-Église). I tre attraversano le linee nemiche in automobile riuscendo a raggiungere il comando alleato e riferire le informazioni. Mentre il capitano Foley continua a presidiare la città in attesa di rinforzi, ai tre viene assegnata un'altra missione da compiere: l'eliminazione di una batteria di artiglieria, situata poche miglia a nord di Sainte-Marie-du-Mont (precisamente nella località del maniero di Brécourt), che ha aperto il fuoco sulle coste. Insieme ad un gruppo di pochi altri uomini, la stessa mattina del 6 giugno, il gruppo si dirige verso l'obiettivo prestabilito sotto il comando del sergente Moody e distrugge la batteria di cannoni dopo aver assaltato il maniero.
Dopo il successo dell'operazione Overlord la compagnia Baker del 2º battaglione 506º PIR viene sganciata dalla 101ª per venire impiegata in missioni speciali dietro le linee nemiche (siccome all'epoca le forze speciali americane non esistevano ancora, l'unità non viene sottoposta a nessun ente militare direttamente superiore, risultando così operativa autonomamente). Alle prime ore del 7 agosto 1944 l'unità viene paracadutata in Austria, sulle Alpi Bavaresi per svolgere una missione di recupero di due ufficiali britannici della Royal Air Force: il Capitano Price ed il Maggiore Ingram, abbattuti in territorio nemico e fatti prigionieri in un castello presidiato da forze tedesche. Tuttavia il nemico è riuscito a trasferire il Maggiore Ingram in un altro luogo prima dell'arrivo dell'unità speciale statunitense, così il soldato Martin insieme ai compagni riesce a recuperare solo il Capitano Price, che però è a conoscenza del luogo dove è stato nascosto l'altro prigioniero.
Nella prima mattinata del 18 settembre 1944 l'unità ritorna in Austria per il recupero del secondo prigioniero (che, secondo le indicazioni del capitano Price, è tenuto in un campo poco all'esterno della città di Strasshof). Agendo repentinamente, l'unità riesce a recuperare e mettere in salvo anche il maggiore Ingram, portando a termine la missione.
 

 
Durante la campagna britannica, il giocatore impersona il sergente Jack Evans, un paracadutista della 6ª divisione aviotrasportata.
Nell'ambito dell'operazione Overlord la 6ª divisione aviotrasportata ha il compito di impedire l'arrivo di rinforzi tedeschi da est, per evitare un contrattacco nemico contro le truppe appena sbarcate sulle coste della Normandia. L'unità del sergente Evans (la Compagnia D del 2º Reggimento Oxfordshire and Buckinghamshire) è la prima ad atterrare sul suolo nemico: il loro obiettivo è di lanciarsi con alianti Horsa e atterrare presso la città di Benouville, per prendere il controllo del ponte sul fiume Orne (impedendone la distruzione da parte dei tedeschi) e tenerlo fino all'arrivo di rinforzi alleati. La notte del 6 giugno 1944, durante i primi minuti del D-Day, l'unità, comandata dal capitano Price (lo stesso che sarebbe stato recuperato dall'unità speciale americana l'anno successivo sulle Alpi Bavaresi), raggiunge la zona di atterraggio e assalta il ponte (denominato Ponte Pegasus) togliendolo alle mani del nemico (contemporaneamente all'assalto del ponte, il soldato Martin sta attaccando Sainte-Mère-Église insieme agli altri paracadutisti). Durante tutta la mattinata il ponte è soggetto a contrattacchi tedeschi, ma l'unità del sergente Evans riesce a resistere fino all'arrivo dei rinforzi, nel pomeriggio.
Le capacità di combattimento del sergente Evans e del capitano Price vengono notate dall'esercito inglese, che decide di trasferirli al 22º Reggimento Special Air Service. Durante la permanenza in questa unità, il capitano Price viene catturato dai tedeschi per poi venire recuperato dagli americani nell'agosto del 1944. Un anno prima, nel 1943, nell'ambito dell'operazione Chastise, i bombardieri alleati distrussero alcune dighe tedesche nella regione della Ruhr (come quelle dei fiumi Eder e Möhne) al fine di inondare le zone circostanti (ricche di complessi industriali) e inibirne la produzione arrecando danni all'economia tedesca. Nel 1944 le dighe sono state ricostruite, e il comando alleato ha ordinato nuovamente la loro distruzione, tuttavia i tedeschi, dopo la prima esperienza, hanno rinforzato le dighe proteggendole con artiglieria contraerea al fine di evitare attacchi di bombardieri. L'obiettivo del sergente Evans nella sua prima missione da SAS sarà di infiltrarsi nell'impianto della diga di Eder, con lo scopo di neutralizzarne i cannoni antiaerei (permettendo così lo svolgimento in sicurezza delle operazioni di bombardamento contro la struttura) e di distruggere i generatori di corrente elettrica attigui alla diga. Successivamente dovrà essere estratto dal capitano Price e dal sergente Waters che lo accompagneranno nella fuga.Dopo il successo dell'operazione, un mese più tardi il sergente Evans verrà impiegato in un'altra missione insieme al capitano Price: quella di infiltrarsi (camuffati da soldati tedeschi) all'interno della corazzata tedesca Tirpitz (ancorata nel mare del Nord) con lo scopo di sabotarla. Durante la missione, svoltasi la sera del 27 ottobre 1944, il capitano Price non fa ritorno all'imbarcazione con la quale i tre erano saliti a bordo e il sergente Waters decide di abbandonarlo perdendo così le sue tracce. Conclusi gli obiettivi (piazzare cariche esplosive in determinati punti della nave e impossessarsi di documenti nemici) il sergente Evans viene estratto dal sergente Waters.

 

 
Durante la campagna sovietica, il giocatore impersona il soldato Alexei Ivanovich Voronin.
Il giovane russo Alexei Voronin viene coscritto nell'Armata Rossa nell'ambito della battaglia di Stalingrado. Qui viene mandato in prima linea la mattina del 18 settembre 1942, dove viene traghettato insieme ad altri coscritti sulla sponda del fiume Volga controllata dai tedeschi, per prenderne il possesso. Dopo duri scontri i sovietici riescono ad allontanare i nemici dalla costa e si spingono fino alla riconquista della Piazza Rossa. Tuttavia la vittoria è momentanea e i tedeschi recuperano lentamente il territorio perduto. Due mesi dopo, nella mattina del 9 novembre 1942 Alexei attraversa le fogne della città (per non essere facile bersaglio dei cecchini nemici) e raggiunge il gruppo del sergente Jakov Pavlov, che si sta apprestando ad assaltare un edificio nella periferia della città. Questo edificio, che poi il gruppo avrebbe difeso fino all'arrivo dei rinforzi, prese poi il nome di casa di Pavlov (dal nome del sergente che si occupò di difenderla). La prossima missione che vede impiegato il soldato Alexei si svolge la mattina del 17 gennaio 1945 a Varsavia, dove insieme ad un gruppo di compagni ha il compito di conquistare una fabbrica di carri armati tedeschi. Dopo il successo dell'operazione il soldato Alexei viene inserito nell'equipaggio di un gruppo di carri armati T-34 diretto verso il fiume Oder e, il 26 gennaio 1945 prenderà parte a una battaglia tra carri armati, in qualità di carrista.
 
Gameplay:

 

cod_2.jpg


Informazioni:
Sviluppo: Infinity Ward, Aspyr
Pubblicazione: Activision
Ideazione: / / /
Data di pubblicazione: 25 ottobre 2005
Genere: Sparatutto in prima persona 
Tema: / / / 
Modalità di gioco: Singolo giocatore, multigiocatore
Piattaforma: Microsoft Windows, Xbox 360, Mac OS X, Pocket PC, Telefono cellulare
Distribuzione: Mac App Store
Supporto: 6 CD, DVD
 
Trama:
Campagna sovietica - Nella prima parte del gioco, il giocatore impersona un soldato dell'Armata Rossa, Vassili Ivanovich Koslov. La prima missione di addestramento è ambientata nei pressi di Mosca e serve per introdurre alle meccaniche del gioco coloro che non hanno mai provato uno sparatutto in prima persona. Dopo aver terminato la missione di addestramento respingendo un attacco tedesco, il giocatore comincia il gioco vero e proprio combattendo edificio per edificio a Stalingrado. I combattimenti nella città semidistrutta sono particolarmente feroci; il protagonista si ritroverà a dover riconquistare la stazione ferroviaria, a distruggere carri armati Panzer II con dell'esplosivo da attaccarci sopra e a partecipare ad un memorabile duello impugnando un fucile da cecchino Mosin-Nagant 1891 contro altri cecchini tedeschi. La campagna russa si conclude con la vittoria russa a Stalingrado.

 

Campagna britannica - Nella seconda parte del gioco il giocatore si sposta in Africa nord-occidentale, prendendo le fattezze del Sergente John Davis, comandato dal Capitano Price. Il personaggio deve avanzare nei territori libici, per scacciare gli Afrika Korps di Rommel. Ci si muoverà attraverso piane desertiche, villaggi deserti da difendere e città da conquistare. L'atto III della campagna inglese è ambientato in Europa durante lo sbarco in Normandia e vede il Sergente Davis partecipare a violenti scontri per riprendere alcuni punti strategici in mano ai tedeschi.
Nella parte inglese, il giocatore impersona anche David Welsh, un comandante di un carro armato British Crusader Mark I. È una campagna relativamente corta con solo 2 missioni attraverso il deserto della Libia, mentre inseguono i Tedeschi in ritirata.
 

Campagna americana - Le missioni finali sono incentrate sulla parte americana del conflitto. Impersonando il Caporale Bill Taylor, il giocatore comincia la sua missione nel D-Day, battaglia presente in molti giochi sulla seconda guerra mondiale, ma in questo non ci si trova alla solita Omaha Beach, ma piuttosto poche miglia a ovest, a Pointe du Hoc. Gli statunitensi hanno non più di pochi metri di spiaggia per ricaricare le armi prima di scalare il promontorio per sabotare l'artiglieria che puntava a Utah Beach e Omaha Beach. Arrivando in cima a questa altura, il giocatore deve scoprire l'artiglieria e renderla inefficace. Il resto della campagna prosegue partecipando all'aspra battaglia nella Hill 400, e poi conquistando il Reno, giungendo in Germania. Nell'ultima scena, un Colonnello promuove Bill Taylor a Sergente.
I riconoscimenti finali mostrano il drammatico salvataggio del Capitano Price dalle mani tedesche da parte dei soldati statunitensi e subito dopo questa scena appare la scritta "Nessuna mucca è stata danneggiata facendo questo gioco".
 
Gameplay:

 

Call_of_Duty_3.jpg

Informazioni:
Sviluppo: Treyarch
Pubblicazione: Activision
Ideazione: / / /
Data di pubblicazione: 8 novembre 2010 (USA), 10 novembre 2006 (EU)
Genere: Sparatutto in prima persona 
Tema: Seconda guerra mondiale 
Modalità di gioco: Singolo giocatore, Multiplayer
Piattaforma: Xbox 360, PlayStation 3, Wii, Xbox, PlayStation 2, PlayStation Portable, Telefono cellulare
Distribuzione: / / /
Supporto: DVD, Blu-ray Disc, UMD
 
Trama:
La seconda guerra mondiale è ormai verso l'epilogo: le truppe Alleate sono pronte a liberare la Francia. Dopo essere penetrate in Francia con lo sbarco in Normandia (operazione Overlord), ora cercano di sfondare le linee di difesa tedesche, raggruppatesi dopo la veloce ritirata dalla Normandia. L'obiettivo principale è Parigi, ancora sotto il controllo tedesco. Un unico problema ostacola il sogno di milioni di francesi: la sacca di Falaise, la linea difensiva attuata dai tedeschi per contrastare l'avanzata Alleata. Passando attraverso pianure, cittadine distrutte e in fiamme, foreste occupate dai bunker e dai FlaK, gli inglesi collaborano con la resistenza francese, attaccando da ovest. I canadesi conquistano le città fortificate nemiche ed assieme alle divisioni corazzate polacche, attaccano i tedeschi da nord. Gli americani sfondano le linee difensive da sud, convergendo verso Chambois. Il tutto avviene in pochi giorni. Come viene detto nel prologo del gioco, la "sacca" di Falaise è teatro di scontri durissimi e tremendi, i più atroci della campagna di Normandia.
Nel gioco si vestono i panni di Bohather (carrista polacco), di Cole (fante canadese), di James Doyle (paracadutista della SAS inglese) e di Nichols (soldato americano).
 
Gameplay:

 

Callof_Duty4_Logo.jpg

Informazioni:
Sviluppo: Infinity Ward
Pubblicazione: Activision
Ideazione: / / /
Data di pubblicazione: Ps3, Xbox 360, Windows: 5 novembre 2007 (N. America), 9 novembre 2007 (EU), 7 novembre 2007 (AU)
Mac: 26 settembre 2008 (N.America), 28 gennaio 2011 (AU)
Wii: 10 novembre 2009
Genere: Sparatutto in prima persona 
Tema: Guerra moderna
Modalità di gioco: Singolo giocatore, multigiocatore
Piattaforma: Microsoft Windows, Xbox 360, PlayStation 3, Nintendo DS, Mac OS X, Telefono cellulare, Wii
Distribuzione: Mac App Store
Supporto: Blu-ray Disc, DVD, Cartuccia
 

Trama:

Nel 2011, il sergente "Soap" MacTavish del 22º reggimento SAS, in esercitazione nei campi di addestramento in Gran Bretagna, incontra i suoi superiori, il capitano Price, e Gaz. La squadra di Price viene depositata su una nave cargo estone che dovrebbe contenere progetti per armi nucleari, come riferito dal loro informatore fra gli ultranazionalisti. I SAS, dopo aver neutralizzato l'equipaggio russo, trovano il materiale in un container con scritte in arabo, ma il team deve poi fuggire a causa di un attacco da parte di MiG russi che affonderanno la nave. Venuti a conoscenza del fatto che il loro informatore russo Nikolai è caduto prigioniero dietro le linee nemiche, Price e i suoi uomini si infiltrano nell'avamposto russo per preparare l'estrazione del loro uomo. Apparentemente la fuga sembra risolversi per il meglio, ma una postazione antiaerea abbatte l'elicottero nella Russia occidentale costringendo le unità SAS a ad essere scortati fuori dal paese con l'aiuto di un AC-130.

Nel contempo il sergente Paul Jackson, della 1ª Forza da Ricognizione dei Marines, atterrerà con il suo plotone capitanato dal tenente Vasquez in territorio mediorientale nella penisola arabica, dove è appena salito al potere il militare ribelle Khaled Al-Asad, il quale ha da poco giustiziato il capo del governo precedentemente in carica, Yasir Al-Fulani. Gli americani dopo aver chiuso tutte le strade irrompono nella sede della televisione di stato dove si sospetta che Al-Asad stia mandando in onda un nuovo comunicato ma i marines scoprono che quest'ultimo era solo una registrazione. Poco dopo le forze di terra alleate saranno incaricate di andare ad aiutare l'equipaggio di un Abrams, nome in codice "War Pig", rimasto intrappolato in un acquitrino. Dopo aver neutralizzato la contraerea il carro verrà scortato tra le rovine della città.
Il battaglione può finalmente scagliare l'offensiva nella capitale nel tentativo di catturare Al-Asad, ma una testata nucleare esplode misteriosamente radendo al suolo la città e uccidendo i marine in azione compreso Jackson che negli ultimi attimi della sua vita guarderà la città distrutta.
Subito dopo il disastro, la squadra di Soap riesce a catturare Al-Asad in un piccolo villaggio in Azerbaigian. Mentre Price lo interroga alla vecchia maniera, il telefono cellulare di Al-Asad squilla e Price, rispondendo, scopre che il vero ideatore del piano è Imran Zakhaev, leader del partito ultranazionalista ed ex trafficante d'armi russo, creduto morto da 15 anni. Allora Price uccide Al-Asad, ritenendolo ormai inutile come ostaggio.
Il capitano Price, 15 anni prima, era un tenente dell'esercito britannico. Lo scopo di quest'ultimo sotto la guida del capitano MacMillan era di penetrare a Pryp'jat' (Černobyl'), Ucraina e dopo aver raggiunto una postazione di vedetta, uccidere Imran Zakhaev con un fucile di precisione Barrett M82. Sfortunatamente Zakhaev sopravvive perdendo solamente un braccio.Dopo il lungo viaggio nel tempo la squadra di Soap dovrà resistere agli ultranazionalisti che vogliono riprendersi Al-Asad - o quel che ne è rimasto - e con non poca fatica riusciranno ad essere scortati fuori dal paese. I SAS e i Marine, in un'operazione congiunta ("Joint operation"), decidono di mettersi sulle tracce di Viktor Zakhaev per sapere dove trovare suo padre Imran. Dopo un lungo inseguimento Viktor si troverà in trappola sul tetto di un edificio e, per non essere catturato, si toglierà la vita con la sua pistola.
Per l'unità di Soap non resta che irrompere in una base missilistica russa che Zakhaev ha conquistato. Appena prima di entrarci vengono lanciati contro gli Stati Uniti due SS-27 dotati di testate nucleari MIRV. Per impedirne l'esplosione gli uomini dei SAS e dei Marine penetrano nella base e distruggono i missili in volo grazie ai codici di annullamento acquisiti dai russi. Price, Soap ed il sergente di squadra Griggs riescono nel loro intento e preparano la fuga, che si rivela un fallimento in quanto un Hind farà esplodere il ponte su cui stanno transitando dando modo agli ultranazionalisti di raggiungerli. Griggs e Gaz perderanno la vita, mentre Price rimarrà gravemente ferito. Quando Zakhaev abbassa la guardia, Soap ne approfitta per sparargli con la pistola che Price gli ha passato poco prima di svenire.
Nel frattempo i lealisti russi di Kamarov atterrano sul luogo dello schianto portando in salvo Soap e cercando anche di rianimare Price, del quale però non si potrà conoscere il destino. Alla fine del gioco è presente un epilogo dove una squadra speciale attacca l'equipaggio armato di un Boeing 747 e lo dirotta. Questa missione è stata ripresa per le operazioni speciali di MW3. Alla fine si deve sparare alla testa del terrorista, salvare l'ostaggio e lanciarsi dall'aereo prima che esso esploda.
 
Gameplay:

 

 

 

 

 

Cod_Wa_W_Logo.jpg

 


Informazioni:
Sviluppo: Treyarch
Pubblicazione: Activision Blizzard
Ideazione: / / /
Data di pubblicazione: 14 novembre 2008 (EU), 11 novembre 2008 (USA) 
Genere: Sparatutto in prima persona 
Tema: Seconda guerra mondiale
Modalità di gioco: Singolo giocatore, multigiocatore 1-2 e online 1-4
Piattaforma: Microsoft Windows, Xbox 360, PlayStation 3, Nintendo Wii, PlayStation 2, Nintendo DS, Telefono cellulare
Distribuzione: / / /
Supporto: Blu-ray, DVD-ROM, Disco ottico Wii, Cartuccia
 
Trama:
La trama del gioco si concentra sulle battaglie del Pacifico e del fronte orientale, che coinvolsero Stati Uniti, Impero giapponese, Unione Sovietica e Germania nazista. Il giocatore impersona due personaggi: il marine Miller, appartenente al Corpo dei Marine, e il soldato Dimitri Petrenko,(in seguito visto nel CoD:black ops della treyarch come amico del soldato Victor Reznov),appartenente all'Armata Russa.
 
Gameplay:

 

640px_Modern_Warfare_2_Logo.jpg


Informazioni:
Sviluppo: Infinty Ward
Pubblicazione: Activision Blizzard, Square Enix (Giappone)
Ideazione: / / /
Data di pubblicazione: 10 dicembre 2009 (JAP), 10 novembre 2009 (N. America), 10 novembre 2009 (EU)
Genere: Sparatutto in prima persona 
Tema: Seconda guerra mondiale
Modalità di gioco: Singolo giocatore, multiplayer
Piattaforma: Microsoft Windows, Xbox 360, PlayStation 3, Nintendo DS, Wii
Distribuzione: / / /
Supporto: DVD-ROM, BD-ROM, Steam
 
Trama:
Dopo avere superato l'addestramento e liberato dalle forze nemiche una piccola città in Afghanistan, il soldato scelto Joseph Allen viene trasferito alla CIA. Il generale Shepherd gli fornisce una nuova identità per consentirgli di infiltrarsi tra gli ultranazionalisti di Makarov; per guadagnare la fiducia del mercenario, Allen è costretto a partecipare ad un attacco terroristico all'aeroporto di Mosca, massacrando civili e forze di polizia con un totale di centinaia di vittime. Prima della fuga però Makarov, al corrente della vera identità di Allen, gli spara uccidendolo e ne lascia il cadavere a terra. La polizia russa lo identificherà, e la colpa dell'attacco ricadrà così sulla stessa CIA, scatenando l'ira dell'intera Russia.
Nel frattempo, sulle montagne del Kazakistan, vicino al confine russo, il sergente Gary "Roach" Sanderson ed il capitano John "Soap" MacTavish, appartenenti alla Task Force 141, si infiltrano in una base russa per recuperare, su ordine di Shepherd, il modulo ACS di un satellite statunitense abbattuto. I due riescono nel loro obiettivo e, scoperti, sono obbligati a fuggire in motoslitta, distruggendo l'intera base.
Nonostante l'azione degli uomini della Task Force 141, i russi riescono a copiare i file contenuti nel modulo satellitare e, sfruttandone i codici, invadono gli Stati Uniti in risposta all'attacco terroristico di Mosca, dando inizio a una probabile Terza guerra mondiale. I paracadutisti russi nella Virginia nordorientale trovano sulla loro strada i Rangers statunitensi, tra cui il sergente Foley, il caporale Dunn e il soldato semplice Ramirez, impegnati a fermarne l'invasione e ad evacuare il resto dei civili in diversi distretti.
Dopo l'invasione, la Task Force 141 è impegnata in una corsa contro il tempo per catturare Makarov e porre fine al conflitto. Soap, Roach, Ghost ed i loro uomini attraversano le favelas di Rio de Janeiro per catturare ed interrogare un noto trafficante di armi di nome Alejandro Rojas, fornitore di Makarov che ha finanziato l'attacco all'aeroporto Zakhaev. Dalle informazioni ottenute ora sanno che Makarov è in cerca di un uomo,"Prigioniero 627", tenuto rinchiuso in un gulag sulle coste del Pacifico. Per aprirsi la strada, la Task Force 141 abborda una stazione petrolifera che i Russi usavano come base missilistica, eliminando le postazioni antiaeree nemiche e salvando degli ostaggi usati come scudi umani. L'assalto al gulag inizia e nei sotterranei la squadra trova il prigioniero, che Soap riconosce essere il capitano Price, creduto morto da 3 anni, quando venne presumibilmente ucciso durante l'Operazione Kingfish, in quanto rimase indietro per coprire l'estrazione e subito dopo la scoperta la squadra si vede costretta a fuggire dal gulag che sta crollando da bombardamenti navali. Intanto la guerra negli USA continua. Le forze russe sono riuscite ad arrivare fino a Washington D.C. e la squadra di Foley, insieme alle ultime forze rimaste nella capitale, deve rallentare l'avanzata nemica per permettere di evacuare i civili rimasti.
Nel frattempo, giunto con il resto della Task Force 141 ad una base di sottomarini in Russia, Price ha un'idea su come fermare la guerra negli USA e, penetrato nel sottomarino, lancia un missile nucleare su Washington che, esplodendo nello spazio, genera un impulso elettromagnetico in grado di disabilitare tutte le apparecchiature elettroniche nel nord-est degli Stati Uniti rallentando così l'avanzata russa e provocando il contrattacco americano.A questo punto i Rangers possono combattere alla pari contro i Russi e dopo essersi riparati dalla "pioggia di elicotteri", inizieranno una controffensiva per la ripresa della Casa Bianca ed impedire il bombardamento a tappeto della capitale. La battaglia si conclude con i rangers che, essendo riusciti a sopravvivere, osservano Washington in fiamme. Ora la Task Force viene divisa in due gruppi per setacciare gli ultimi due possibili nascondigli sulla Terra per Makarov. Nei monti del Caucaso una squadra guidata da Roach e Ghost riesce a copiare i veri dati del modulo ACS dal suo computer (i file già in mano loro si erano rivelati falsi). I due riescono a fuggire ed a raggiungere il punto di estrazione in una radura dove li aspetta l'elicottero di Shepherd, ma all'improvviso il generale, non appena gli vengono consegnati i dati, spara prima a Roach già ferito, e poi a Ghost, per poi bruciarne i corpi.
Shepherd è dunque il vero nemico: ha fatto in modo che l'identità di Allen venisse scoperta da Makarov, che i russi riuscissero a copiare il modulo ACS e che la guerra scoppiasse per avere il pieno appoggio dell'opinione pubblica americana ed ottenere il controllo totale dell'esercito.
Soap e Price, incaricati di controllare l'altro nascondiglio di Makarov in Afghanistan, cadono in un'imboscata delle forze di Shepherd, impegnate anche a respingere le truppe ultranazionaliste. I due riescono a salvarsi fuggendo con l'aereo di Nikolai. Successivamente si introducono nella base di Shepherd cercando di stanarlo ed ucciderlo, ma questi riesce a fuggire, per poi essere intercettato dai due inseguitori e fermato dopo un inseguimento in gommone. Soap, disarmato e ferito cerca di far fuori Shepherd, ma questi ha la meglio prima scagliandolo contro un'auto e poi ferendolo gravemente infilandogli un pugnale nel petto. Mentre sta per dargli il colpo di grazia Shepherd rivela di essere stato il comandante delle forze americane impegnate contro Al-Asad, nel precedente episodio, colpite dall'esplosione nucleare. Il disinteresse dell'opinione pubblica nei confronti del disastro ha spinto il generale ad ideare l'intero piano, con l'intento di spingere la gente a venerare l'Esercito come unica forza in grado di proteggerli. In quell'istante Price interviene ingaggiando con il nemico un corpo a corpo ma nel frattempo Soap riesce ad estrarre il pugnale dal suo petto per poi scagliarlo nell'occhio sinistro del generale uccidendolo all'istante. Infine, Price e Soap sanguinanti si dirigono verso l'elicottero di Nikolai giunto a recuperarli e fuggono in una destinazione imprecisata.
 
Gameplay:

 
Collegamenti: Hans Zimmer
 

Co_D_Black_Ops_Logo.png


Informazioni:
Sviluppo: Treyarch
Pubblicazione: Activision Blizzard
Ideazione: / / /
Data di pubblicazione: 9 novembre 2010 (USA), 9 novembre 2010 (EU), 17 novembre (AU), 17 novembre (JAP)
Genere: Sparatutto in prima persona 
Tema: Guerra Fredda, Guerra del Vietnam
Modalità di gioco: Singolo giocatore, multiplayer
Piattaforma: PlayStation 3, Xbox 360, Microsoft Windows, Wii, Nintendo DS, Mac OS X
Distribuzione: / / /
Supporto: Blu-ray Disc, DVD-ROM
 
Trama:
Anno 1968: Alex Mason si ritrova legato ad una sedia e bombardato di domande da parte di due interrogatori sconosciuti riguardanti numeri, stazione di numeri ed un tale Dragovich. Dopo queste domande inizia il flashback di Mason: Nel 1961, Mason, Woods, e Bowman, tre agenti della CIA, tentarono di assassinare Fidel Castro durante lo sbarco nella Baia dei porci a Cuba come parte dell'Operazione 40. Mason apparentemente riesce nel suo assassinio, ma la loro estrazione va male, con Mason che rimane indietro per proteggere l'aereo per la fuga. Viene catturato dal vero Castro (quello che aveva ucciso era un sosia). A causa dell'alleanza con l'Unione Sovietica, Castro consegna Mason nelle mani del generale Nikita Dragovich. Mason viene quindi tenuto prigioniero nel gulag di Vorkuta per un anno. Durante la sua prigionia, Mason diventa amico di Viktor Reznov (presente nel quinto capitolo della serie: Call of Duty: World at War) un ex soldato dell'Armata Rossa. Reznov rivela a Mason l'identità di quelli coinvolti nella sua tortura: Dragovich, Lev Kravchenko (il suo braccio destro) e Friedrich Steiner, un ex scienziato nazista che si rifugiò in Unione Sovietica. Tutti e tre hanno una connessione con Reznov: nell'ottobre 1945, Reznov, Dragovich, Kravchenko, e Dimitri Petrenko (suo amico fraterno,anch'esso presente in Call of Duty: World at War) fecero parte di un'unità mandata a localizzare Steiner, nascosto con una unità di SS nel circolo polare artico. Durante l'operazione, Reznov venne tradito da Dragovich, che usò la creazione di Steiner, un agente nervino chiamato "Nova-6", su Petrenko. Reznov evitò la morte quando dei commando SAS attaccarono i russi. Durante la confusione, Reznov riuscì a distruggere la Nova-6 piazzando una carica esplosiva su un Razzo V2. Tuttavia questa venne ricreata tempo dopo da Steiner e uno scienziato britannico di nome Daniel Clarke per i Sovietici. Poco dopo, Reznov venne arrestato e imprigionato a Vorkuta e capisce le reali intenzioni di Dragovich. Mason e Reznov incitarono una rivolta dei prigionieri per scappare dal gulag, ma solo Mason riuscì a fuggire.Un mese dopo la fuga, il presidente John F. Kennedy autorizzò l'assassinio di Dragovich. Nel novembre 1963, Mason, Woods, Bowman e Weaver vennero mandati al cosmodromo di Baikonur in U.R.S.S. per smantellare il programma spaziale sovietico ed eliminare i membri del gruppo Ascensione. All'inizio dell'operazione, Weaver viene catturato, ma Mason e la sua squadra riescono a salvarlo e a distruggere il razzo Soyuz. Dragovich elude il tentativo di assassinio, portando Mason a ricercarlo per i successivi cinque anni.
Nel 1968, il MACV-SOG venne stabilito in Vietnam per investigare sulla presenza sovietica nel paese. Dopo aver difeso Khe Sanh, il SOG viene mandato a Hue durante l'offensiva del Tet per recuperare un dossier con informazioni su Dragovich da un disertore russo. La squadra recupera il dossier, mentre Mason incontra Reznov, che si scopre essere il disertore. IL SOG quindi penetra nel Laos per trovare tracce di presenza sovietica, percorrendo anche una serie di tunnel che porterà Mason al nascondiglio di Kravchenko, dove vi è una radio che trasmette un messaggio registrato sugli esperimenti e gli effetti della Nova-6. Successivamente il SOG dovrà recuperare un carico di Nova-6 da un aereo da carico sovietico abbattuto dalla CIA. Alla zona di schianto, vengono sopraffatti da ondate di vietcong e soldati spetsnaz, e vengono catturati. Bowman viene ucciso da un torturatore, invece Mason e Woods riescono a scappare ed a raggiungere il nascondiglio di Kravchenko grazie ad un Hind catturato; lì libereranno diversi prigionieri SOG, fra cui Reznov, ed insieme attaccheranno la fortezza del colonnello. Woods ingaggia un combattimento con Kravchenko, che si fa esplodere tramite l'innesco a catena di alcune granate mentre entrambi si lanciano da una finestra.
Nel frattempo, Hudson e Weaver interrogano il dr. Daniel Clarke, l'ingegnere che creò assieme al dr. Steiner la Nova-6, a Kowloon, Hong Kong. Clarke identifica Steiner come parte della cospirazione, e rivela il luogo di una struttura di ricerca e sviluppo nascosta sul monte Yamantau prima di essere ucciso da uno degli uomini di Dragovich mentre stava rivelando il significato dei numeri immessi nella mente di Mason. Hudson e Weaver si dirigono sul monte Yamantau per distruggere la fabbrica e recuperare Steiner. Durante la missione, Hudson riceve una trasmissione da Steiner dove gli chiede di incontrarsi all'Isola Rinascita in U.R.S.S. per scoprire come bloccare la trasmissione di numeri che manderebbero istruzioni a degli agenti dormienti nel rilasciare la Nova-6 nelle città americane. Ma anche Mason e Reznov si stanno dirigendo all'Isola Rinascita, intenzionati ad uccidere Steiner. Arrivati nella stanza dove si trova lo scienziato, Reznov gli spara ma, Hudson, arrivato anch'egli nella base dopo aver sfondato il perimetro difensivo insieme alla sua squadra, ha visto Mason, vestito con l'uniforme di Kravchenko, compiere l'assassinio e non Reznov, di cui non c'è nessuna traccia.A questo punto, Hudson e Weaver si rivelano essere gli interrogatori di Mason. Hudson realizza che Dragovich fece il lavaggio del cervello a Mason per farlo obbedire utilizzando la sequenza dei numeri, effettivamente facendolo diventare un agente dormiente. Senza altre soluzioni, Hudson libera Mason per poterlo seguire. Viene così rivelato che il vero Reznov morì durante la fuga di Vorkuta nel 1963, e le visioni di Mason su Reznov erano il risultato di un disordine dissociativo causato dal traumatico lavaggio del cervello (infatti ogni volta che Mason incontrava Reznov si sente la sequenza di numeri). Reznov ha inoltre riprogrammato Mason per assassinare Dragovich, Kravchenko e Steiner invece del presidente Kennedy prima della fuga da Vorkuta. Hudson riesce ad annullare il lavaggio del cervello di Mason e poi fa partire la sequenza di numeri un'ultima volta per Mason, pregandolo di ricordare il luogo, e Mason effettivamente ricorda la nave da carico russa Rusalka sulle coste di Cuba.
All'alba la squadra lancia un assalto sulla Rusalka nel Golfo del Messico. Dopo un intenso conflitto a fuoco con l'equipaggio, si scopre che la vera base che trasmette i numeri si trova sul fondo del mare, sotto la Rusalka. Mason e Hudson si infiltrano allora nella stazione di trasmissione sottomarina, una base sovietica per sommergibili intenzionata ad essere parte del piano di Dragovich per invadere gli Stati Uniti dopo aver liberato la Nova-6. Confermando che la Rusalka è la stazione dei numeri, Hudson chiama la US Navy per distruggere la nave e la sua base. Mason e Hudson intanto trovano Dragovich nei livelli bassi della struttura e riescono a ucciderlo prima della distruzione della base, nuotando poi verso la superficie durante la distruzione degli obiettivi. Weaver dichiara la vittoria, ma Mason è insicuro, turbato dalla sua ultima conversazione con Dragovich.
Nel filmato finale vengono mostrate immagini e filmati di archivio del presidente Kennedy prima del suo assassinio, con una misteriosa annunciatrice e Mason che ripetono una sequenza di numeri. Dal tutto si deduce che Mason ha compiuto il suo obiettivo originale, ovvero uccidere per conto di Dragovich il Presidente Kennedy.
 
Gameplay:

 

Modern_Warfare3_Logo.png


Informazioni:
Sviluppo: Infinity Ward, Sledgehammer Games, Raven Software, n-Space (Nintendo DS)
Pubblicazione: Activision 
Ideazione: / / /
Data di pubblicazione: 8 novembre 2011 (USA), 8 novembre 2011 (EU), 
Genere: Sparatutto in prima persona 
Tema: Guerra moderna, Terza guerra mondiale
Modalità di gioco: Singolo giocatore, multiplayer
Piattaforma: Microsoft Windows, PlayStation 3, Wii, Xbox 360, Nintendo DS
Distribuzione: / / /
Supporto: Blu-ray Disc, DVD-ROM, Steam
 
Trama:
Il gioco inizia alla conclusione di Call of Duty: Modern Warfare 2; in questo episodio fa da scenario un'ipotetica terza guerra mondiale (nella introduzione della prima missione, vi è un gioco di parole con il logo del gioco: compaiono prima le lettere "WW3" ruotando poi la prima W in "MW3", rispettivamente "World War 3" e "Modern Warfare 3"). Le nazioni coinvolte sono tutti gli stati europei, che combattono l'invasione di un gruppo di terroristi che tengono in ostaggio i vertici della Federazione Russa, con il supporto degli Stati Uniti d'America. Le nazioni europee che si visiteranno nel gioco sono il Regno Unito, la Francia e la Germania, oltre alla Russia. Tra i personaggi principali spicca la presenza di due ex SAS, il Capitano John "Soap" MacTavish e il Capitano John Price già presenti nei precedenti capitoli e di nuovi come Yuri, ex Spetsnaz, "Frost" e "Sandman", appartenenti alla Delta Force.
Alcune ore dopo aver ucciso il generale Shepherd, Price e Nikolai tentano di far evacuare Soap in fin di vita dal Sito Hotel Bravo in Afghanistan e raggiungono un luogo sicuro gestito dagli alleati lealisti di Nikolai nello stato di Himachal Pradesh, in India. Mentre Soap riceve cure mediche, le truppe di Vladimir Makarov irrompono nel rifugio e cercano di uccidere i tre. Un ex soldato Spetsnaz di nome Yuri, aiuta Price a difendere il luogo, pilotando in seguito un UGV, una sorta di carro artificiere montante una M134 e un Mk19 radiocomandato, per aprire la strada e permettere loro di arrivare fino al punto di estrazione fuori dal paese dove si trova un elicottero per la fuga. I quattro sono tutto ciò che rimane della ribelle Task Force 141.
Nel frattempo, l'invasione russa negli Stati Uniti continua, culminata nella battaglia di Manhattan a New York, dove ormai gli Americani stavano soccombendo a causa dell'eliminazione da parte dei Russi dell'intera flotta americana. Così entra in scena Metal 0-1, una squadra componente della Delta Force, formata dal capitano Sandman, e dai sui uomini con nome in codice Frost, Truck, e Grinch. Essi hanno il compito di distruggere un disturbatore russo posto sopra il tetto della Borsa di New York che bloccava ogni trasmissione radio. Una volta riconquistata la sede di Wall Street la squadra Metal, assistita da truppe statunitensi ancora intrappolate nei paraggi, fa saltare il disturbatore a pieno spettro russo e fugge in elicottero al contrattacco dei russi. Una volta riunite le sacche di resistenza statunitensi a Manhattan e costretto i russi a ritirarsi sulle rive del fiume Hudson, Metal 0-1 dovrà assalire un sottomarino russo lanciamissili Oscar-2 e affondare la flotta nemica ormeggiata al porto con i loro stessi missili. Gli atti del team Metal costringono così i russi a cessare l'offensiva e ritirarsi dalla città.
Il 3 ottobre, il Presidente russo Boris Vorshevsky annuncia di voler firmare un accordo di pace con gli Stati Uniti ad Amburgo in Germania, cooperando coi delegati NATO. Il piano deraglia quando gli uomini di Makarov dirottano l'aereo, obbligandolo ad un atterraggio di fortuna. L'agente dell'FSO (Servizio Federale di Protezione) russo Andrei Harkov cerca di mettere al sicuro il Presidente, ma durante la fuga viene ucciso da Makarov in persona. Quest'ultimo rapisce il Presidente per ottenere l'accesso all'arsenale nucleare russo.
La Task Force 141 dunque segue la pista di Makarov fino ad un affare d'armi in Sierra Leone da dove, secondo Yuri, sta per partire un cargo sconosciuto diretto in Gran Bretagna che è molto importante per Makarov. Fuggiti dalla milizia locale, il Team raggiunge la Chiesa, senza però riuscire a fermare il carico e a rintracciare Makarov.
Il 22º Reggimento SAS si mette sulle tracce delle eventuali armi di distruzione di massa al porto di Londra, le squadre d' assalto SAS dopo aver ripulito l'area da quelli che si riveleranno essere terroristi/mercenari che opporranno strenua resistenza. Tuttavia i furgoni sospettati di trasportare le armi in questione sono vuoti: i terroristi hanno dirottato un treno nella metropolitana di Londra e probabilmente è lì che si trovano le armi. La squadra SAS insegue il treno fino alla stazione di Westminster, dove deraglia, uccidendo buona parte dei terroristi e numerosi soldati SAS, tra cui l'agente Griffin, vecchia conoscenza di Price e Soap. I terroristi superstiti attaccano la stazione uccidendo quasi tutti i civili, e ciò che resta dell'unità SAS ingaggia un combattimento per liberarla dai russi. Avendo successo. Una volta arrivati i rinforzi, i soldati salgono in superficie e prendono posizione in un posto di blocco per intercettare l'unico furgone dove possono ormai essere le armi, di cui non si conosce ancora l'entità. Il furgone, inseguito dalla polizia di Londra, viene fermato dal posto di blocco, di fronte a una grande folla incuriosita dai movimenti della Polizia. Gli agenti aprono il furgone crivellato di colpi, e lo trovano vuoto. La squadra SAS ha perso l'unica pista per trovare le armi, e pochi minuti dopo apprende attraverso i media che le armi in realtà chimiche e che ormai è troppo tardi per trovarle. Dalle notizie contrastanti che fanno il giro del mondo si apprende per certo che Londra è stata colpita in numerosi punti da attacchi terroristi con armi chimiche. Poco dopo arrivano notizie simili da tutta l'Europa: tutte le capitali e le città più importanti in Europa sono state colpite dallo stesso attacco chimico.
Dalla base NATO di Rammstein, colpita dall'attacco chimico partono richieste di aiuto. Il comando statunitense afferma di mandare squadre di decontaminazione, ma la base chiede principalmente rinforzi per combattere truppe ostili che pare si siano calate dai cieli subito dopo l'attacco chimico in Germania. Si scoprirà poco dopo che quelle sono truppe regolari dell'esercito russo che hanno lanciato un'invasione lampo in Germania. Arrivano subito dopo immagini da tutta Europa di combattimenti tra l'esercito russo e le truppe europee. Si vedono nel filmato di caricamento immagini di combattimenti da Varsavia, Parigi, Roma.
La 141, grazie ai dati intelligence del centro commando della SAS si sposterà in Somalia, da dove proveniva la nave da carico con le armi chimiche e dove si trova Waraabe, il fornitore di armi per Makarov, che sotto interrogatorio dirà che il piano di invasione europeo è stato architettato da un certo Volk, braccio destro di Makarov.Il Team Metal, incaricato di raggiungere Amburgo per salvare il Vicepresidente, nome in codice "Goalpost", riesce nella missione respingendo le forze di terra russe. Inoltre grazie ai dati intelligence forniti da Price, Sandman e i suoi uomini, con l'aiuto delle truppe francesi del GIGN, rintracciano Volk a Parigi facendosi largo tra le vie devastate dall'attacco chimico e le catacombe. Dopo un lungo inseguimento, concluso con la distruzione delle Torre Eiffel per permettere alla Metal di essere estratti a Pont d'Iéna, Volk viene preso in custodia, rivelando la prossima mossa di Makarov e i traffici illeciti sulle armi di distruzione di massa. Grazie alle dichiarazioni di Volk, Sandman rivela al capitano Price che Makarov sta per convocare un meeting coi suoi principali consiglieri nel centro di Praga.
La Task Force 141, recatasi a Praga, con l'aiuto della resistenza ceca guidata da Vasili Kamarov, vecchia conoscenza di Price e Soap (guidò l'attacco alle forze ultranazionaliste alla fine di CoD4: Modern Warfare, permettendo a Soap di uccidere Zakhaev e salvando ai due la vita), riesce a farsi strada all'interno di Praga, ormai occupata dalle truppe russe e insanguinata da aspri combattimenti con la Resistenza, e raggiungere il punto dove si terrà il meeting: Kamarov si infiltrerà sotto copertura dentro l'hotel per indicare gli spostamenti di Makarov; Soap e Yuri si apposteranno sul campanile della Chiesa posta di fronte all'hotel Lustig per fornire fuoco di precisione mentre Price farà irruzione all'interno.. Kamarov viene catturato e fatto esplodere, mentre Price riesce a fuggire dall'edificio. Anche il campanile della Chiesa esplode, facendo cadere Yuri e Soap per diversi metri e ferendo quest'ultimo a morte. Una volta raggiunto un posto sicuro Soap, prima di morire a causa delle ferite riportate, rivela a Price che Makarov conosce Yuri.
Price perde così la fiducia in Yuri, ma questi riesce a guadagnarsi un po' di tempo rivelando il suo passato da ultranazionalista e il suo coinvolgimento con Makarov: quando era ancora giovane e patriota si unì alla causa di Imran Zakhaev insieme a Makarov, ma vedendo che questi invece che seguire gli ideali si spinse alla follia volendo guerra, distruzione e potere, decise di opporsi e si ribellò, ma quando Makarov scoprì il suo doppio gioco gli sparò abbandonandolo in fin di vita, portando avanti il suo piano di sterminio con l'attacco all'aeroporto Zakhaev, scatenando così la guerra tra Stati Uniti e Russia. (vedere la sezione "Curiosità" per maggiori info)
Price e Yuri, gli unici rimasti ancora in vita della 141, si infiltrano dentro un castello vicino a Praga per cercare informazioni utili su Makarov. Una volta raggiunta la sala comandi dell'edificio, pensando che Makarov si potesse trovare li, vedono in uno schermo il presidente russo, torturato per dare i codici di lancio dei missili: egli però non ha ceduto e dunque Makarov per fare ulteriore pressione si mette sulle tracce della figlia Alena. Una volta fuggiti dal castello, Price e Yuri avvisano il Team Metal riguardo al piano di rapire Alena da un luogo sicuro a Berlino.Il Team Metal, raggiunta la capitale tedesca quasi rasa al suolo, si dispone su un tetto posto vicino all'Hotel dove si trova Alena per dare copertura a Granite, un'altra squadra Delta che aveva il compito di salvare la ragazza. Il piano però fallisce, con tutta la squadra Granite morta e Metal 0-1 costretta alla ritirata. Gli ultimi elementi della task force Delta si trovano davanti una unità corazzata russa. Trovandosi in disperata inferiorità numerica, Metal 0-1 riesce a mala pena ad evacuare l'edificio-copertura prima che i russi lo bombardassero. Dopo aver trovato i superstiti della squadra Onix, altra squadra Delta precipitata durante il trasporto, Sandman e la sua squadra riescono a stabilire un contatto con un battaglione corazzato tedesco. Forti della momentanea superiorità numerica data sul campo i Delta, supportati da tre Leopard II tedeschi e varie unità di fanteria riescono a sfondare il blocco russo a poche centinaia di metri dall'hotel. Durante il tragitto però un edificio, minato in precedenza dai russi, viene fatto saltare seppellendo tra le macerie uno dei tre carri, diverse unità di fanteria tedesche e americane, e isolando Metal 0-1 da ciò che rimane del battaglione alleato. Il Team Metal si fa strada fra le macerie senza supporto dei mezzi corazzati. Riescono a raggiungere Alena, ma non ad impedirne il rapimento, lasciando la squadra di fronte al panorama di Berlino devastata e con, a dire dalle comunicazioni di Overlord, le truppe americane a supporto e quelle tedesche costrette a lasciare la città.
Makarov trasferisce il presidente e la ragazza in una miniera di diamanti in Siberia. Dopo aver distrutto il castello, la Task Force 141 e il Team Metal, in un'operazione congiunta, assaltano la miniera. I due Team riescono a portare in salvo il presidente e sua figlia, ma durante l'estrazione vengono coinvolti nell'esplosione della miniera. Rimasta indietro per coprire Price e Yuri, la squadra Metal 0-1, non si salverà dal crollo.
Col presidente salvo, il trattato di pace tra Stati Uniti e Russia si è finalmente concluso. A guerra finita, Price e Yuri rintracciano Makarov all'Hotel Oasis, nella penisola arabica, assaltando l'albergo con tute Juggernaut, mitragliatrici pesanti e col supporto elettronico di Nikolai. Durante la sparatoria in un ascensore con un elicottero le loro corazze vengono distrutte e Yuri rimane ferito gravemente. Price riesce ad inseguire Makarov sul tetto, uccidendo i piloti e facendo schiantare il suo elicottero. Price sta per essere ucciso, quando improvvisamente arriva Yuri che cerca di eliminare Makarov già gravemente ferito, ma è lui ad essere colpito a morte. Price con una mossa rapida si rialza e, legata una corda intorno al collo di Makarov, rompe il vetro del tetto e precipita insieme a Makarov: quest'ultimo rimane impiccato mentre Price sopravvive alla caduta. Il gioco si conclude con una scena che vede il capitano Price accendersi un sigaro davanti al corpo penzolante del suo nemico, l'ormai defunto Makarov.
 
Gameplay:

 

Black_Ops2_Logo.png

 

Informazioni:
Sviluppo: Treyarch
Pubblicazione: Activision Blizzard
Ideazione: / / /
Data di pubblicazione: PS3, Xbox360 & Microsoft Windows: 13 novembre 2012
Wii: 30 novembre 2012
Genere: Sparatutto in prima persona 
Tema: Guerra 
Modalità di gioco: Singolo giocatore, multiplayer, Zombie
Piattaforma: Xbox 360, Playstation 3, Microsoft Windows, Wii U
Distribuzione: / / /
Supporto: Blu-ray Disc, DVD-ROM
 
Trama:
Nell'anno 2025, un'unità di Forze Speciali guidata da David Mason arriva al "Vault", un luogo segreto dove vive l'anziano sergente Frank Woods, il quale si crede abbia informazioni su Raul Menendez. Woods confessa che Menendez è venuto a trovarlo, lasciandogli anche un ciondolo, che Woods poi consegna a Mason.
Nel 1986, Alex Mason si è ritirato dal servizio attivo e vive in Alaska con il figlio David, che all'epoca aveva sette anni. La loro relazione già tesa viene messa alla prova quando Mason riceve la visita di Jason Hudson, che prova a convincerlo a prendere parte ad una missione in Angola, dove Woods e i suoi uomini sono stati catturati mentre offrivano supporto ai ribelli nella Guerra Civile Angolana, e le loro azioni sono state rinnegate dalla CIA. Hudson arruola Mason per una missione segreta per salvare Woods e altri sopravvissuti della sua squadra, con l'aiuto di Jonas Savimbi, il leader dei ribelli angolani. I due scoprono che è stato Menendez a catturare Woods e cercano di affrontarlo, ma Menendez rivela la loro posizione ai nemici e riesce a scappare.
Alla luce di quanto è successo in Angola, Mason e Hudson si mettono sulle tracce di Menendez, uno dei maggiori fornitori di armi per i conflitti in Africa e America Latina. Localizzato in Afghanistan, la CIA autorizza un attacco contro di lui, e durante uno scontro fra i mujaheddin e l'Armata Rossa, Mason e Woods si ritrovano faccia a faccia con Lev Kravchenko, anche lui sopravvissuto allo scontro con Woods nel bunker in Laos nel 1968, il quale prima di essere ucciso svela loro che Menendez ha infiltrati anche nella CIA. A questo punto la storia inizia ad esplorare le ragioni di Menendez e la sua sete di vendetta nei confronti dell'Occidente. Dopo che lui e la sorella Josefina furono accidentalmente coinvolti nell'incendio di un magazzino come parte di una truffa assicurativa, la sua famiglia si dedicò al traffico di droga, conquistando potere ed influenza in Nicaragua. Le loro azioni non passarono inosservate, e la CIA approvò l'assassinio di suo padre. Sapendo che Menendez prende la faccenda sul personale e che non si darà per vinto, la CIA chiede sostegno al presidente di Panamá Manuel Noriega per un raid nella casa di Menendez in Nicaragua. Menendez vive un'altra tragedia quando Woods uccide involontariamente sua sorella durante l'assalto, ma riesce ancora a scappare grazie all'aiuto segreto di Noriega.
Menendez vuole reagire contro i responsabili della morte di sua sorella, e durante l'invasione statunitense di Panama del 1989 rapisce Hudson e David, usandoli come esca per una trappola. Hudson viene poi usato per fuorviare Woods durante un'operazione (apparente, organizzata per diffamare il presidente Noriega che segretamente salva Menendez), che spara a Mason convinto che fosse Menendez, il quale poi azzoppa Woods e uccide Hudson, lasciando vivere Woods e David, promettendo che ritornerà per completare la sua vendetta.
Tre decenni dopo, Menendez riappare a capo di Cordis Die, un movimento populista con più di un miliardo di seguaci, e organizza un cyber-attacco che mette in ginocchio la Borsa cinese. La Cina risponde vietando l'esportazione di terre rare, provocando l'inizio di una nuova guerra fredda tra l'SDC (Strategic Defense Coalition) cinese e il JSOC americano. Approfittando della situazione, Menendez prova a far scatenare una guerra vera e propria fra le due parti, aiutando il presidente dell'SDC Tian Zhao, che nel 1986 aveva collaborato con Mason e Woods in Afghanistan. Grazie alle informazioni fornite da Woods, David Mason, ora un Navy SEAL con il nome in codice Section, guida il JSOC nella rinnovata caccia a Menendez.Dopo l'incontro con Woods, Section e il JSOC si infiltrano nel Myanmar, dove trovano un ingegnere informatico al servizio di Menendez, il quale avverte loro riguardo ad un cyber-attacco con un dispositivo al Celerium, un materiale in grado di violare qualsiasi sistema informatico. La squadra di Section viene poi spedita in Pakistan per carpire informazioni sui piani di Menendez. Durante la missione, Menendez svela il nome di una cyber-arma, chiamata "Karma", che si trova nelle Isole Cayman. In seguito Section, insieme ad altri due agenti SEAL, Harper e Salazar, si reca alle Cayman, in una città galleggiante di nome Colossus, dove scoprono che "Karma" in realtà è una donna di nome Chloe Lynch, ex dipendente della Tacitus, società di copertura di Menendez. Chloe ha sviluppato il dispositivo al Celerium e i mercenari di Menendez, guidati dal suo secondo De Falco, ucciso dallo stesso Mason durante la missione, la stanno cercando per rapirla.
Menendez viene poi intercettato nello Yemen, e tra i suoi uomini più fedeli è riuscito ad infiltrarsi Farid, un agente del JSOC sotto copertura per aiutare Section a facilitarne la cattura. Menendez viene catturato, ma si lascia prendere apposta e così riesce ad entrare nel sistema informatico militare americano a bordo della portaerei U.S.S. Obama, prendendo il controllo dell'intera flotta di droni americani. Si scopre che Salazar è la talpa di Menendez all'interno del JSOC e agevola l'attacco prima che Section e le forze del JSOC riescano a respingerlo, lo stesso uccide Chloe, e viene poi ucciso da Herper dopo un'immediata cattura. A conseguenza di ciò, Section si sposta a Los Angeles dove ha il compito di scortare il Presidente degli Stati Uniti nel pieno dell'attacco dei droni.
Alla fine il JSOC riesce ad individuare la fonte delle trasmissioni ad Haiti, dove Section guida le forze del JSOC con l'obiettivo di riconquistare la struttura e di catturare oppure uccidere Menendez. Le scelte del giocatore influenzano il finale del gioco, come ad esempio la possibilità di un'alleanza fra Stati Uniti e Cina, così come la determinazione del destino di alcuni personaggi.
Durante la campagna, il giocatore può scegliere di prendere parte alle missioni Forza d'Attacco facoltative. In queste missioni, il JSOC dovrà mettere un freno all'influenza globale dell'SDC impedendo a quest'ultimo di stringere alleanze forzate con gli Stati confinanti. Section non partecipa direttamente a queste missioni, ma le guida a distanza. Il giocatore inoltre potrà avere 4 finali diversi a seconda delle azioni che compie: decidere la sorte di una persona, oppure lo svolgimento di determinate azioni.[5] Sono state inoltre aggiunte le "sfide": una volta finita una missione, comparirà una lista con 10 sfide da superare nella medesima missione; il giocatore, per esempio, dovrà compiere un determinato numero di uccisioni con un'arma, oppure non morire durante la missione e altre cose.
 
Gameplay:

 

640px_Call_of_Duty_Ghosts_Logo_svg.png

Informazioni:
Sviluppo: Infinity Ward, Raven Software, Neversoft
Pubblicazione: Activision
Ideazione: / / /
Data di pubblicazione: Microsoft Windows, PlayStation 3, Wii U e Xbox 360: 5 novembre 2013
Xbox One: 22 novembre 2013
PlayStation 4: 22 febbraio 2014 (JAP), 15 novembre 2013 (N. America), 29 novembre 2013 (EU)
Genere: Sparatutto in prima persona 
Tema: Guerra moderna
Modalità di gioco: Singolo giocatore, multiplayer, estinzione
Piattaforma: PlayStation 4, PlayStation 3, Xbox One, Xbox 360, Wii U, Microsoft Windows
Distribuzione: / / /
Supporto: / / /
 
Trama:
La campagna in single player di Call of Duty: Ghosts ha dei personaggi, delle ambientazioni ed una trama completamente diversi da quanto visto nella serie di Call of Duty: Modern Warfare (precedente lavoro di Infinity Ward)[1].
La storia è ambientata negli Stati Uniti d'America, in un futuro molto vicino in cui la superpotenza mondiale è stata messa in ginocchio da un devastante ed avanzato attacco orbitale ad opera della "Federazione", una coalizione formata dai vari Stati sudamericani. I territori colpiti vengono poi attaccati dall'avanzato esercito militare della Federazione e da esso definitivamente conquistati. I protagonisti sono i "Ghosts", un'unità speciale di quel che resta dell'apparato militare americano specializzata nell'agire nell'ombra e volta, come il resto delle rimanenti forze armate statunitensi, a sconfiggere la Federazione ed a riconquistare i propri territori. Nella squadra di Ghosts protagonista, Logan Walker, il personaggio principale, sarà affiancato dal fratello David "Hesh" e da Riley, un cane da guerra. I loro obbiettivi saranno quello di scongiurare la minaccia rappresentata dai satelliti militari armati costruiti dalla Federazione basandosi sul modello di "Odin", il satellite (americano, ma di cui la Federazione prese il controllo) che scagliò il devastante attacco orbitale sui territori statunitensi, e quello di fermare Rorke, ex-Ghost che ora guida le truppe della Federazione di stanza negli Stati Uniti.
La storia, a differenza di quella di Call of Duty: Black Ops II (precedente capitolo della saga, sviluppato da Treyarch e non da Infinity Ward) non ha né bivi narrativi né finali multipli, ed è quindi a sviluppo lineare. 
 
Gameplay:

 

 

 

Call_of_Duty_Advanced_Warfare.png

 

Informazioni:

Sviluppo: Sledgehammer Games (PS4, Xbox One e PC), High Moon Studios (Xbox 360 e PS3), Raven Software (Multigiocatore)
Pubblicazione: Activision, Square Enix (Giappone)
Ideazione: / / /
Data di pubblicazione: Microsoft Windows, Xbox 360, Playstation 3, Xbox One e Playstation 4: 13 novembre 2014 (JAP), 3 novembre 2014 (Day-zero Edition), 4 novembre 2014 (Day-one Edition)
Genere: Sparatutto in prima persona 
Tema: Guerra futuristica
Modalità di gioco: Singolo giocatore, multiplayer, Exo zombie
Piattaforma: PlayStation 4, PlayStation 3, Xbox One, Xbox 360, Microsoft Windows
Distribuzione: / / /
Supporto: / / /
 
Trama:
Siamo nel 2054.Il protagonista del gioco è Jack Mitchell (Troy Baker), un giovane che si arruola tra i Marine con il suo migliore amico, William Robert Irons: sanno che vanno incontro a enormi pericoli, ma come se fossero fratelli si proteggono a vicenda. Appena sei mesi dopo essersi arruolati, ricevono il battesimo del fuoco combattendo nella battaglia di Seoul, occupata dai Nordcoreani; durante la battaglia Will piazza delle cariche esplosive in un lancia-missili nordcoreano, ma per disgrazia lo sportello si chiude mentre lui infila il braccio e nonostante Mitchell tenti di aiutarlo Will si sacrifica, lasciandosi trascinare per poi far esplodere il lancia-missili. Uno dei rottami del veicolo stacca il braccio sinistro a Mitchell, così il giovane viene congedato dall'esercito. Durante i funerali di Will il padre di quest' ultimo, Jonathan Irons ( Kevin Spacey ), gli offre un posto come soldato nella compagnia internazionale privata da lui creata ATLAS, che possiede il più grande esercito al mondo dotato di armamenti avanzati e costruisce infrastrutture in tutto il mondo a tempi di record; Mitchell accetta e mette al posto del braccio sinistro una protesi avanzata fornita dalla compagnia. L'ex-marine comincia così a combattere con ATLAS contro il KVA, un gruppo terroristico ispirato ai principi fondamentalisti che da un po' di tempo attacca le maggiori metropoli del mondo. Si guadagna così la fiducia e il rispetto di Gideon, uno dei migliori soldati di Irons e del suo compare Joker.
Nonostante l'efficienza e il grande valore che Mitchell, Gideon, Joker e gli altri soldati dimostrano, nessuno riesce ad impedire ad Hades, il leader del KVA, di attaccare le maggiori centrali nucleari dei 5 continenti, mietendo migliaia di vittime tra i civili e lasciando il mondo sconvolto e l'esercito degli Stati Uniti in ginocchio. Fortunatamente ATLAS, sotto la direzione di John Irons, aiuta tutto il mondo a ricostruire dalle macerie un nuovo futuro. 4 anni dopo gli attacchi del KVA la squadra di Mitchell cattura il dottor Pier Lanoix, il braccio destro di Hades. Dopo che Ilona, una soldatessa di ATLAS dal carattere ambiguo, riesce a far dire a Lanoix che Hades terrà l'incontro con i suoi finanziatori a Santorini, Irons, nonostante il generale americano Mc Donnell non approvi questa decisione, ordina ai suoi uomini di recarsi sull' isola greca per uccidere Hades. Condotta con molte difficoltà, la missione riesce ed è proprio Mitchell ad uccidere Hades, tagliandoli la gola con il coltello; Hades, prima di morire, consegna a Mitchell e a Ilona un misterioso video, sussurrando:" Lui sa...Ironsa sa ". Il mondo intero loda John Irons per l'impresa, ma lui risponde che il merito è dei suoi uomini ed egli è fiero fi loro. ATLAS ormai è cresciuta molto, gestisce molte importanti infrastrutture ed ha stabilito la sua principale sede a New Baghdad, che ora è una città che rivaleggia con quelle euro-americane . Tutti sono curiosi di sapere i futuri piani di Irons e di ATLAS.
Mentre alcuni giornalisti intervistano Irons, Mitchell e Gideon vengono chiamati da Ilona. Arrivati ai piani inferiori la soldatessa gli mostra il video recatogli da Hades, dove Irons uccide un tecnico nigeriano salvato a Lagos che lo avverte dei lanci missilistici del KVA; John Irons sapeva degli attacchi ma ha lasciato che avvenissero e ha sfruttato gli avvenimenti a suo vantaggio. Tuttavia vengono sorpresi dallo stesso Irons con alcune guardie ed egli sostiene che il video è falso e Gideon gli dà ragione. Il fondatore di ATLAS, deluso da Mitchell e da Ilona, decide di tenerli lì fino a quando il via e vai dei giornalisti continua: ma un misterioso personaggio aiuta i due a fuggire, attivando l'allarme all' incendio e portandogli sopra un grattacielo in costruzione. Arrivati sopra di esso Mitchell e Ilona scoprono che il loro salvatore è Cormak, il sergente di Mitchell durante la battaglia di Seoul: Gideon e Joker alla ricerca dei due fuggitivi, li trovano sul tetto, ma fingono di non averli visti così Mitchell e Ilona fuggono con Cormak e i suoi soldati. Egli spiega che ora appartiene a una task force americana nata 4 anni prima, chiamata SENTINEL, che aveva lo scopo di indagare sugli attacchi del KVA per impedire che ce ne fossero altri in futuro: Irons si è rivelato una minaccia più letale e sapendo che sta per fare la sua mossa, chiede ai nuovi arrivati di combattere con loro per fermarlo. Mitchell e Ilona non possono chiedere di meglio.Con l'aiuto di Cormak, Mitchell e Ilona riescono a trovare informazioni su ciò che viene chiamato Manticore, e dopo, aiutati da Gideon ( che ha finalmente rinnegato Irons ) riescono a recuperarne un campione: in laboratorio scoprono che Manticore è un arma di distruzione di massa biologica, realizzata da alcuni scienziati del KVA ora al servizio di ATLAS ( tra cui Pier Lanoix ) che è letale su chiunque non appartenga agli archivi di ATLAS. A quel punto la squadra SENTINEL, a cui si aggrega anche Gideon, distrugge il deposito di Manticore. Contemporaneamente John Irons diviene il primo S.I.O. di una corporazione privata a far parte delle Nazioni Unite, che ancora non sanno della produzione su larga scala di Manticore: ma lì afferma che ha intenzioni di risolvere i problemi del mondo, che a suo parere cominciano dai politici e dalle Nazioni Unite. Infatti attacca San Francisco, facendo crollare il ponte sulla Decima Flotta e attaccando con 2 cargo, ma Mitchell e gli altri riescono a salvare ciò che resta in piedi della flotta. A quel punto tutto il mondo, sotto l'esercito degli Stati Uniti, dichiara guerra ad ATLAS.
Gli Stati Uniti decidono di attaccare direttamente a New Baghdad; Mitchell, Gideon e Ilona, assistiti dall' aviazione americana, riescono ad arrivare in città e fanno fuori diverse torrette antiaereo e anche alcuni A.S.T ma mentre stanno per affrontare i Taiter, ATLAS usa Manticore che uccide tutti i soldati statiunitensi tranne i tre operativi SENTINEL che sono stati immunizzati, ciononostante vengono catturati assieme a Cormak che si trovava fuori città. Vengono quindi trasportati in un laboratorio/prigione dove Irons stesso viene a visitarli: egli spara a Cormak lasciandolo dissanguare e distrugge i meccanismi della protesi di Mitchell. Dopo che Irons se ne andato, Gideon e Ilona liberano se stessi e i due feriti e riescono a scappare. Fuggendo dal laboratorio si scopre che Irons lancierà Manticore su New York, Washington D.C, Los Angeles e le altre grandi città americane. Cormak, tuttavia, muore a causa delle ferite ma la sua morte sprona Mithcell e gli altri a farla finita con ATLAS e ad impedire il lancio.
 
Gameplay:

 

640px_Call_of_Duty_Black_Ops_III.png

Informazioni:
Sviluppo: Treyarch, Beenox, Mercenary Technology
Pubblicazione: Activision 
Ideazione: / / /
Data di pubblicazione: 6 novebre 2015
Genere: Sparatutto in prima persona 
Tema: Guerra 
Modalità di gioco: Singolo giocatore, multiplayer
Piattaforma: PlayStation 4, PlayStation 3, Xbox One, Xbox 360, Microsoft Windows
Distribuzione: PlayStation Network, Xbox Live, Steam
Supporto: Blu-ray Disc, CD-ROM, Download
 
Trama:
Dopo l'attacco dei droni del 2025 per mano di Raul Menendez e Cordis Die, le nazioni di tutto il mondo siglano un patto chiamato Accordo di Winslow per l'istallazione di un sistema chiamato Directed Energy Air Defense (D.E.A.D.) un sistema per difendere lo spazio aereo internazionale da eventuali attacchi terroristici. Tuttavia, con il riscaldamento globale in aumento, la sovrappopolazione, e in rapido esaurimento delle risorse naturali ha portato ad una catastrofe maltusiana.
Nel 2037, la corsa agli armamenti tecnologici aveva raggiunto il limite e vengono istuiuite nuove alleanze geopolitiche per proteggere gli interessi nazionali. Il Regno Unito, Francia e Germania hanno lasciato la disintegrazione dell'Unione Europea, lasciando l'UE la Russia compra il debito estero della Polonia per creare una nuova alleanza economica e militare conosciuta come Patto di Difesa Comune. Allo stesso tempo, le restanti nazioni dell'Accordo di Winsolw devoluti in un'alleanza militare per rivendicare i resti delle risorse naturali del globo e affrontare una nuova Guerra fredda contro il Patto di Difesa Comune.
 
Gameplay:

 
 
 
 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@alex47ka dovrebbe andare nello spoiler di Modern Warfare 2 non di Black Ops 3

Se hai difficoltà con lo spoiler dimmi che ti posto il codice corretto :zizi:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora