Recommended Posts

blade-runner-locandina-originale.jpg

Info


Titolo originale: Blade Runner
Lingua originale inglese
Paese di produzione USA
Anno 1982
Durata: 117 min (International Cut, 1982)
116 min (Director's Cut, 1992)
117 min (The Final Cut, 2007)
Genere: fantascienza, noir, thriller
Regia: Ridley Scott
Casa di produzione: The Ladd Company, Sir Run Run Shaw, Tandem Productions
Distribuzione (Italia) : Warner Bros.
Musiche: Vangelis


Interpreti e personaggi



Harrison Ford: Rick Deckard
Rutger Hauer: Roy Batty
Sean Young: Rachael
Daryl Hannah: Pris
Brion James: Leon
Joanna Cassidy: Zhora
Edward James Olmos: Gaff
M. Emmet Walsh: cap. Harry Bryant
Joe Turkel: dott. Eldon Tyrell
William Sanderson: J.F. Sebastian
Morgan Paull: Holden
James Hong: Hannibal Chew
Hy Pyke: Taffey Lewis
Ben Astar: Abdul Ben Hassan


Blade Runner è un film di fantascienza del 1982, diretto da Ridley Scott e interpretato da Harrison Ford, Rutger Hauer, Sean Young e Edward James Olmos. La sceneggiatura, scritta da Hampton Fancher e David Webb Peoples, è liberamente ispirata al romanzo del 1968 Il cacciatore di androidi (Do Androids Dream of Electric Sheep? / Ma gli androidi sognano pecore elettriche?) di Philip K. Dick.

Il lungometraggio è ambientato nel 2019 in una Los Angeles distopica, dove replicanti dalle stesse sembianze dell'uomo vengono abitualmente fabbricati e utilizzati come forza lavoro nelle colonie extra-terrestri. Replicanti che si danno alla fuga o tornano illegalmente sulla Terra vengono cacciati e "ritirati dal servizio" da agenti speciali chiamati "Blade Runner". La trama ruota attorno ad un gruppo di androidi recentemente evasi e nascostisi a Los Angeles e al poliziotto Rick Deckard, ormai fuori servizio, che accetta un'ultima missione per dare loro la caccia.

Del film sono state distribuite sette versioni differenti, in base alle scelte, spesso controverse, dei diversi responsabili. Una versione director's cut piuttosto raffazzonata è stata pubblicata nel 1992 e messa in commercio in DVD nel 1997. Nel 2007, in occasione del 25º anniversario dell'uscita della pellicola, la Warner Bros. ha pubblicato The Final Cut, una versione digitalmente rimasterizzata e l'unica su cui Scott ha avuto totale libertà artistica. Questa edizione è stata proiettata in un ristretto numero di sale e successivamente distribuita in DVD, HD DVD e Blu-ray.

Blade Runner ha inizialmente polarizzato la critica: alcuni erano insoddisfatti del ritmo, mentre altri ne avevano apprezzato la complessità tematica. Il lungometraggio ha incassato poco in Nord America durante la sua prima distribuzione cinematografica, ma da allora è assurto a film di culto. È stato lodato per il suo design retrofuturista e rimane uno dei migliori esempi del genere neo-noir. Ha inoltre avuto il merito di portare l'opera di Philip K. Dick all'attenzione di Hollywood, e Ridley Scott lo considera "probabilmente" il suo film più completo e personale.

Blade Runner è considerato uno dei migliori film di fantascienza di sempre. Nel 1993 è stato scelto per essere conservato nel National Film Registry della Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti d'America e nel 2007 l'American Film Institute lo ha posizionato al 97º posto nella classifica AFI's 100 Years... 100 Movies.


Trama


Il film è ambientato in una Los Angeles distopica dell'anno 2019. La tecnologia ha permesso la creazione di esseri simili agli umani, detti "replicanti", utilizzati come schiavi, dotati di capacità intellettuali e forza fisica estremamente superiori agli uomini, ma con una longevità limitata a pochi anni. Sei replicanti del modello più evoluto (tre femmine e tre maschi), capitanati da Roy Batty, sono fuggiti dalle colonie extramondo e, giunti furtivamente a Los Angeles, hanno cercato di introdursi nella Tyrell Corporation dove erano stati creati. Due di loro (un maschio e una femmina) sono finiti in un campo elettrico e sono stati catturati, mentre gli altri quattro sono fuggiti. Uno di questi, Leon, è stato individuato tra i nuovi assunti alla Tyrell, ma è riuscito a scappare sparando all'agente Holden, che lo stava sottoponendo a un test per il riconoscimento dei replicanti.

Il poliziotto Rick Deckard, già agente dell'unità speciale Blade Runner, viene forzatamente richiamato in servizio dal capitano Bryant per "ritirare", ossia uccidere, i quattro replicanti. Deckard, accompagnato nei suoi spostamenti dal collega Gaff, si reca nell'ufficio del fondatore della Tyrell per provare il test su un replicante modello Nexus 6 ed e' invitato a provare il test prima sulla segretaria Rachael, che si rivela essere non umana. Anch'essa è un replicante, prodotto dalla Corporation.

Deckard ispeziona l'appartamento di Leon, trovandovi una squama e una serie di fotografie. Parallelamente, Leon e Roy Batty visitano Hannibal Chew, un progettista genetico di occhi che lavora per la Tyrell Corporation, che, minacciato, suggerisce loro di rivolgersi a J. F. Sebastian, genetista e amico del dott. Tyrell. Tornando a casa, Deckard viene raggiunto da Rachael, che vuole sapere se è una replicante o un'umana. Deckard le rivela la verità e, di fronte ai suoi dubbi, le racconta i suoi presunti ricordi d'infanzia, dimostrandole che in realtà sono innesti mentali. Rachael, disperata fugge. Nel frattempo la replicante Pris, compagna di Roy Batty, ottiene la fiducia di J. F. Sebastian e l'ospitalità nel suo appartamento.

Deckard sogna ad occhi aperti un unicorno. Risvegliatosi, esamina una delle foto trovate e riesce ad associare la squama alla replicante Zhora. Indagando scopre che si tratta di una squama di serpente artificiale, utilizzato in uno spettacolo da una spogliarellista. Deckard si reca nel locale dove lavora Zhora, e con una scusa la segue nel camerino. Zhora capisce le sue intenzioni e fugge per strada, ma Deckard la raggiunge, ritirandola.

Bryant informa Deckard che dovrà ritirare anche Rachael, che è scomparsa dalla Tyrell. Quando Bryant e Gaff si allontanano, Deckard vede Rachael e cerca di raggiungerla, ma viene affrontato da Leon, che ha assistito al ritiro di Zhora e cerca di ucciderlo, Rachael interviene, uccidendo Leon. Deckard decide di risparmiare Rachael, nascondendola a casa sua, dove i due s'innamorano.

Roy Batty, raggiunta Pris, la informa che sono rimasti vivi solo loro. I due convincono J. F. Sebastian ad accompagnare Roy Batty dal dott. Tyrell per chiedergli se esiste un modo per posticipare la loro imminente "data di termine". Tyrell gli dice che non è possibile e come risposta Roy Batty uccide sia il dott. Tyrell, cavandogli gli occhi con i pollici, che J. F. Sebastian.

Deckard informato del duplice omicidio si reca nell'appartamento di J. F. Sebastian, ritenendo di poter trovarvi i due replicanti rimasti. Al suo arrivo viene attaccato da Pris, ma Deckard riesce a spararle, uccidendola. Poco dopo giunge Roy Batty che, vista Pris priva di vita, decide di dedicare i suoi ultimi istanti di vita alla vendetta. Nel tentativo di sfuggire a Roy, Deckard salta da un tetto a un altro finendo aggrappato ad una trave, sospeso nel vuoto. Roy lo raggiunge e, invece di ucciderlo, lo trae in salvo. Dopo un breve monologo («Io ne ho viste cose...»), Roy Batty muore di fronte all'impietrito Deckard.

« Io ne ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi. Navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione. E ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhäuser. E tutti quei momenti andranno perduti nel tempo come lacrime nella pioggia. È tempo di morire. »
(Roy Batty)

Poco dopo arriva Gaff che si complimenta con Deckard per il lavoro svolto, aggiungendo «Peccato però che lei non vivrà!... Sempre che questo sia vivere.», riferendosi a Rachael. Deckard corre a casa per salvare Rachael, e mentre fuggono dall'appartamento Rachael schiaccia col tacco della scarpa un piccolo origami per terra, a forma di unicorno, insinuando il dubbio che anche Deckard sia un replicante.


 

Fonte

Riconoscimenti
 
Trailer: Blade Runner - The Final Cut





Ad oggi esistono sette differenti release di Blade Runner, le cui differenze spaziano da imprecisioni tecniche a “dettagli” che suggeriscono una completa re-interpretazione del protagonista.

Al contrario di molti altri film, l’interesse per Blade Runner, accresciutosi con gli anni, ha spinto tutte le parti in causa a creare una versione definitiva rappresentata dalla famosa versione “Final cut” che mette la parola fine ai vari rimaneggiamenti e include scene tagliate dalla censura.


Workprint prototype version (1982)

Durata: 113 minuti
Dove: mostrata inizialmente a Dallas ad un’audience ristretta
Come accade per numerose produzioni, anche per Blade Runner è stata organizzata una preview ad un ristretto numero di spettatori. Come conseguenza di pareri negativi dell’audience limitata, Blade Runner è stato rimaneggiato fino a raggiungere la versione ufficiale rilasciata più tardi nel 1982.
Sono numerose le differenze con le altre versioni. Tra queste:
- niente narrativa di Harrison Ford
- manca il sogno dell’unicorno
- non c’è la scena finale in volo sopra una foresta
- dal momento in cui Rick Deckard giunge al Bradbury, la colonna sonora di Vangelis manca completamente, sostituita da musica riempitiva
 

San Diego sneak preview version (1982)

Dove: a San Diego, poco prima della release ufficiale
Quasi identica alla release ufficiale americana, contiene solo qualche scena in più mai uscita in nessuna versione seguente, nemmeno nella forma di contenuti speciali su DVD.
Release cinematografica ufficiale americana (1982)

Durata: 116 minuti
Dove: in tutti gli USA
La prima versione rilasciata al grande pubblico è riconoscibile dalla scena finale aerea con materiale tratto da riprese non utilizzate di Shining e dalla voce fuori campo narrante di Harrison Ford, che non ha mai nascosto il suo disappunto per questa tecnica. La voce narrante fu aggiunta dopo che la test audience diede segnali di non avere capito diversi punti del film.
Questa versione venne rilasciata in VHS e BETAMAX nel 1983, e non vide più la luce fino al DVD della Ultimate Edition del 2007.
 

Release cinematografica ufficiale internazionale (1982)

Durata: 117 minuti
Dove: Europa e Asia
Rispetto alla release ufficiale americana, questa versione contiene qualche scena “scabrosa” in più. Molti ricorderanno alcune di queste scene:
- Roy Batty che, mentre uccide il suo creatore, gli ficca le dita negli occhi
- Roy Batty che, durante l’inseguimento finale, si conficca un chiodo nella mano
 

Release televisiva ufficiale americana (1986)

Durata: 114 minuti
Dove: in tutti gli USA
Come se non bastassero le scene tagliate dalla versione cinematografica ufficiale americana, la proiezione televisiva manca di ulteriori scene ritenute eccessive per la TV americana degli anni 80.
 

Director’s cut (1992)

Durata: 116 minuti
Dove: internazionale
Nell’89 venne scoperta una pellicola di Blade Runner che si pensava perduta. Un cinema di Los Angeles ottenne il permesso dalla Warner di proiettare quella versione e si scoprì solo dopo che si trattava della Workprint. Il film cominciò a diffondersi e Blade Runner riemerse come film di culto. A Ridley Scott questa versione non piacque e, dopo diversi colloqui con la Warner Bros, si decise per una re-release cinematografica ufficiale, solo dopo un attento lavoro di “pulizia”. Il risultato vide tre modifiche sostanziali :
- la rimozione della voce fuori campo narrativa
- la rimozione della scena finale in volo sopra la foresta
- l’aggiunta del sogno dell’unicorno
Il sogno dell’unicorno suggerisce un risvolto nella trama non indifferente: Rick Deckard sarebbe un replicante. L’origami di Gaff implica che i sogni di Deckard sono conosciuti, e quindi delle memorie impiantate, caratteristica appunto dei replicanti della stessa generazione di Rachel.
Anche in questo caso, le scene “violente” caratteristiche della international release non vennero incluse. Scott e Ford non diedero pareri particolarmente soddisfacenti di questa versione.
Nel 1997 la Director’s cut venne rilasciata in DVD.
 

Final cut – 25esimo anniversario (2007)

Durata: 117 minuti
Dove: internazionale
La Final cut è la versione più affine alla visione di Ridley Scott, che per l’occasione ha avuto completo controllo artistico. Venne rilasciata prima al cinema e poi in DVD e Blu-Ray nel 2007. Il cofanetto in vendita contiene ben 5 DVD, completi con diverse versioni del film e numerosi contenuti speciali.
Le differenze tra la Final cut e la Director’s cut sono numerose e consistono per la maggior parte di correzioni e miglioramenti tecnici. Ne citiamo un paio tra le meno “tecniche”:
- il sogno dell’unicorno è presente, ma in una scena più lunga e comprensibile, che chiarisce meglio l’origine del protagonista
- le scene violente rimosse dalla versione cinematografica americana del 1982 sono tutte incluse


 

Opinione Personale

L'ho sempre considerato uno dei migliori film non solo di fantascienza ma che sà parlare e raccontare anche di lato umano costretto a reggere il confronto con i suoi stessi "prodotti" --> rimanendone soffocato sia dalla sua angoscia esistenziale che dall'incapacità di sentire il suo essere + profondo ormai addormentato ed inaridito dentro un mondo oltremodo sovrappopolato, scuro e decadente :sasa:

cosa questa che si nota soprattutto nella storia sentimentale fra l’umano cacciatore di androidi Richard Dechard (Harrison Ford) e la replicante Rachael(Sean Young)

da qui praticamente a differenza di tanti altri lo considero non solo un film dove la macchina è rappresentata come un qualcosa di completamente freddo o estraneo o puramente metallico ma piuttoso come un prolungamento della coscienza umana continuamente persa nella + totale incertezza del motivo della sua esistenza addormentata in un limbo idealizzato e fine a se stesso.....

replicato diciamo


 
Altri film di Ridley Scott:
The Counselor (Il Procuratore)
Prometheus
I duellanti
Exodus - Dei e re
1492 - La conquista del paradiso
Sopravvissuto - The Martian
Alien

Modificato da Kin*
Aggiunta Opinione Personale di Don, originariamente al 4° post

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie per tutti i dettagli riguardo alla pellicola, la trama, i premi, la critica, le versioni etc etc etc, cose molto interessanti e tutto quanto...

 

Ma il tuo parere sul film? :asd:

Apri il topic senza parlarne? XD

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ieri sera non avevo voglia di metterla :ehm:

Cmq ci mancherebbe che non mi fosse piaciuto xd

l'ho sempre considerato uno dei migliori film non solo di fantascienza ma che sà parlare e raccontare anche di  lato umano costretto a reggere il confronto con i suoi stessi "prodotti" --> rimanendone soffocato sia  dalla sua angoscia esistenziale che dall'incapacità di sentire il suo essere + profondo ormai addormentato ed inaridito dentro un mondo oltremodo sovrappopolato, scuro e decadente :sasa:

cosa questa che si nota soprattutto nella storia sentimentale  fra l’umano cacciatore di androidi Richard Dechard (Harrison Ford) e la replicante Rachael(Sean Young)

da qui praticamente a differenza di tanti altri lo considero non solo un film dove la macchina è rappresentata come un qualcosa di completamente freddo o estraneo o puramente metallico ma piuttoso come un prolungamento della coscienza umana continuamente persa nella + totale incertezza del motivo della sua esistenza addormentata in un limbo idealizzato e fine a se stesso.....

replicato diciamo :mmm:

Modificato da Kin*
Aggiunta al primo post

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

L'opinione personale è facoltativa :sasa: ovviamente è un valore aggiunto alla recensione, ma non è obbligatoria in questa sezione 

 

Mi sembra una cosa piutosto strana in un forum ma vabbé  :grat:

se avete messo questa regola avrete avuto i vostri motivi XD

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Germano è un film che secondo me non và guardato unicamente come un thriller o un fantascienza seppur non manchino riferimenti profondi e ben esposti sia negli effetti speciali che nell'ambientazione, ma piuttosto è bello apprezzarne il lato umanistico in riferimento che non vaglia solo l'utilità + superficiale o fisica del mondo che ci circonda o come in questo caso di renderlo + semplice o automatico ma anche del prezzo che alla fine siamo costretti a pagare in riferimento ai nostri desideri ed al conseguimento di una intierezza come essere umani --> e il film lo fà capire con estrema serietà e liricità documentando soprattutto non solo l'esistenza ormai decadente dell'essere umano ma anche quello della contro-parte androide qui caratterizzata + da una mancanza di ciò che ci viene tolto per scendere a patti nel nostro essere difronte alla paura di un confronto con noi stessi e i nostri desideri e credo che faccia riflettere parecchio in un film del genere.. :sasa:

 

per dire che anche io l'ho visto attraverso gli anni con ottiche differenti xd

non è un film che ho capito subito :nunu:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Uno dei film più belli e coinvolgenti che abbia mai visto,

era da tanto che un film non mi colpiva cosi fortemente :pawacry:

 

Purtroppo solo ora ho visto questo film per la prima volta  

 

Sopratutto le musiche di Vangelis sono davvero stupende e rilassanti  :fedex:

 

Da vedere prossimamente anche Blade Runner 2049

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 24/5/2015 at 18:12, Germanoreale dice:

Uno dei tanti film che conosco da quando sono nato, ma che non ho mai realmente visto :mhm: 

Lo stesso.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@XOUJO

 

Vedilo assolutamente non te ne pentirai :zizi: ,

anche se non sei amante della Fantascienza ti piacerà sicuramente

 

E' davvero un gran filmone :fedex:

 

Certo però bisogna capirlo fino in fondo,

 io me lo sono dovuto rivedere 2 volte visto che non ho capito un paio di cose 

 

Comunque preciso non è un film per tutti,

è un po difficile capire il suo significato per alcuni :zuzu:

 

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora