Recommended Posts

15zgur.jpg

 

 

Paprika - Sognando un sogno (パプリカ Papurika?) è un lungometraggio d'animazione giapponese del 2006 scritto, disegnato e diretto dal maestro Satoshi Kon, tratto dall'omonimo romanzo di Yasutaka Tsutsui, presentato in anteprima mondiale alla Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia del 2006. Il film è poi uscito nelle sale italiane a partire dal 15 giugno 2007.

 

Trama

Il lungometraggio racconta le gesta della giovane dottoressa Atsuko Chiba, ricercatrice e psicoterapeuta, il cui alter-ego nel mondo virtuale, il mondo dei sogni, è Paprika, 
una giovane e attraente diciottenne. La dottoressa, sotto le spoglie di Paprika, "viaggia" attraverso l'inconscio delle persone grazie ad un dispositivo chiamato DC-Mini. Il suo intento è quello di "sincronizzarsi" con l'inconscio del paziente per aiutarlo a scoprire l’origine delle proprie ansie e nevrosi. Ma l'uso di questo dispositivo, in mani sbagliate, potrebbe essere molto pericoloso, in grado di controllare e distruggere completamente la personalità di qualcuno nel momento in cui questo si trova nel mondo dei sogni. E quando uno dei prototipi dei DC-Mini viene rubato e tutti i ricercatori del laboratorio cominciano ad impazzire, tocca alla dottoressa cercare di sbrogliare l'intrigo sotto le spoglie dell'alter-ego Paprika. 
 
Titolo originale Paprika (パプリカ Papurika?)
Paese di produzione Giappone
Anno 2006
Durata 90 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere animazione, fantastico
Regia Satoshi Kon
Soggetto Yasutaka Tsutsui
Sceneggiatura Seishi Minakami, Satoshi Kon
Art director Nobutaka Ike
Animatori Masashi Ando
Fotografia Michiya Katou
Montaggio Takeshi Seyama
Musiche Susumu Hirasawa
 
 
 
 

 

 

Collegamenti: Satoshi Kon

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho visto solo pochi minuti di questo film, causa Morfeo e il suo bisogno di attenzioni, però l'accozzaglia di immagini e colori mi lasciò con un "waaaaah". Come una bambina, io adoro cose del genere pur non capendoci una mazza xD

Del maestro ho apprezzato Tokyo Godfathers, molto più "semplice" e bello a modo suo :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Visto ieri sera ed apparte il tripudio di immagini e colori, non mi ha lasciato niente di che :boh:

Sarà che la trama è quasi inesistente o che io non l'ho capita :boh:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora