Recommended Posts

 

Belle_e_Sebastien_locandina.jpg

 

 

Belle et Sébastien è un film del 2013 diretto da Nicolas Vanier, uscito nelle sale italiane nel 2014, ispirato all'omonimo sceneggiato francese, in bianco e nero, basato, a sua volta, sulla serie di racconti di Cécile Aubry. Racconta l'amicizia tra un bambino e un cane da montagna dei Pirenei.

 

Trailer

 

Info

Titolo originale: Belle et Sébastien
Paese di produzione: Francia
Anno: 2013
Durata: 98 min
Colore: colore
Audio: sonoro
Genere: avventura, drammatico
Regia: Nicolas Vanier
Soggetto: Dalla serie televisiva Belle et Sébastien di Cécile Aubry
Sceneggiatura: Juliette Sales, Fabien Suarez, Nicolas Vanier
Produttore: Clément Miserez, Matthieu Warter, Frédéric Brillion, Gilles Legrand
Casa di produzione: Gaumont, Radar Films, Epithète Films, M6 Films
Distribuzione (Italia): Notorious Pictures
Fotografia: Éric Guichard
Musiche: Armand Amar
Scenografia: Sébastian Birchler
Costumi: Adélaïde Gosselin
Trucco: Michèle Carmintrand, Michelle Constantinides

 

Trama

Alpi Francesi, 1943. Sébastien è un bambino orfano di sette anni che vive con l’anziano pastore César, una sorta di nonno adottivo per il piccolo, e la nipote di questi, Angélina, particolarmente protettiva verso Sébastien. L’insolita famigliola vive nel piccolo villaggio di Sàint-Martin, i cui abitanti, nonostante l’occupazione tedesca, organizzano segretamente il passaggio in Svizzera degli esuli ebrei. Il villaggio è anche funestato da una misteriosa “Bestia” che preda le greggi dei pastori e a cui gli abitanti, incluso Cèsar, danno inutilmente la caccia da mesi.

Sébastien è un bambino molto solitario e sofferente per l’assenza della madre, che lui crede emigrata "in America, appena oltre le montagne", e passa tutte le sue giornate sui monti. Un giorno, sulla via per Sàint-Martin, incontra un enorme cane, selvatico e completamente infangato: si tratta della cosiddetta “Bestia”. Sébastien non tarda a fare amicizia con l’animale, una femmina di Patou, e la battezzerà “Belle” perché colpito dalla sua bellezza dopo averla ripulita dal fango. Sébastien decide di mantenere segreta la sua amicizia con Belle per proteggerla.

Nel frattempo, una pattuglia tedesca, comandata dall’ambiguo tenente Peter, giunge a Sàint-Martin per porre fine alle fughe degli ebrei. Sébastien, durante una delle sue gite assieme a Belle, si scontra con due soldati; Belle reagisce aggredendo e ferendo i due militari. L’amicizia tra Sébastien e la “Bestia” è così scoperta e sgomenta in particolare César e Angélina.

Il tenente Peter ordina al sindaco di Sàint-Martin di organizzare una battuta di caccia per stanare e uccidere la “Bestia”; César, sapendo che Sébastien tenterà di impedirlo, fornisce di proposito al bambino indicazioni sbagliate sull’area in cui sarà effettuata la ricerca. Nonostante Sébastien, una volta capito l’inganno, riesca a interferire con le ricerche, César e gli uomini del villaggio riescono comunque a trovare e ferire Belle. Il bambino, ormai furioso con César, chiede aiuto al dottor Guillaume, medico del villaggio e fidanzato di Angélina, che, dopo un’iniziale titubanza, accetta di curare Belle e le salva la vita.

All’insaputa di Sébastien, il dottor Guillaume è anche colui che si occupa di scortare gli ebrei al confine svizzero. Una sera, Guillaume, mentre torna a Sàint-Martin dopo aver nascosto provvisoriamente in una grotta una coppia di profughi con una figlia, vede un branco di lupi attaccare una delle greggi del villaggio. Il medico tenta di cacciare via le belve, ma si rompe una caviglia scivolando nella neve e si trova a sua volta in pericolo; la situazione viene salvata proprio da Belle, che mette in fuga i lupi e trascina su una slitta Guillaume fino a casa di César e Angélina. Non era perciò Belle a uccidere le pecore, bensì i lupi; a César non rimane altro da fare che chiedere scusa a Belle.

Guillaume, infortunato, non può più accompagnare gli ebrei e il suo posto viene preso da Angélina e da Sébastien, che ha seguito la ragazza di nascosto fino alla grotta. Il bambino fa amicizia con la piccola Esther, figlia dei due profughi che Guillaume doveva scortare; parlando con lei, Sébastien scopre che César gli ha mentito a proposito dell’America. Quella sera, César svela al piccolo la verità: sua madre è morta dandolo alla luce. César era presente per puro caso e ha accettato di prendersi cura di Sébastien; finora ha taciuto, preferendo mentire, per non far soffrire ancora di più il bambino. Sébastien è triste, ma ora sa di poter contare sempre su César e si riappacifica con lui.

Nel frattempo, i tedeschi hanno intuito che il passaggio degli ebrei avverrà la notte della Vigilia di Natale e iniziano a perlustrare le montagne. Angélina e gli ebrei ripartono, ma la ragazza si accorge di essere seguita dal tenente Peter, che però viene travolto da una valanga provocata dalle urla del tedesco che tenta di fermare la giovane. Peter, a sorpresa, l’avverte di fare un altro percorso per raggiungere il confine perché i suoi soldati pattugliano le montagne e Angélina, commossa, capisce che era proprio il tenente tedesco a fornire a Guillaume gli orari delle ronde, consentendogli di organizzare le fughe. L’unico percorso possibile è tuttavia pericoloso e costellato di crepacci; Sébastien assicura tuttavia che Belle, grazie al suo fiuto, saprà guidarli.

Non senza difficoltà, Belle, Sébastien e Angélina riescono a sfuggire ai tedeschi e a portare gli ebrei fino in Svizzera, dove vengono accolti da una guida locale. Qui, Angélina rivela di voler proseguire per andare in Inghilterra e aiutare a vincere la guerra e che non tornerà a Sàint-Martin. La ragazza saluta Belle e il piccolo Sébastien, promettendo però di tornare una volta che sarà tutto finito. Belle e Sébastien si incamminano verso casa; la guida svizzera domanda ad Angélina se è sicura che il piccolo Sébastien ce la farà a tornare da solo, ma la ragazza, in lacrime, gli risponde che Sébastien non è solo.

 

Interpreti e personaggi

Félix Bossuet: Sébastien
Tchéky Karyo: César
Margaux Chatelier: Angélina
Dimitri Storoge: Dottor Guillaume
Urbain Cancelier: Il Sindaco
Andreas Pietschmann: Tenente Peter
Mehdi El Glaoui: André
Paola Palma: Esther
Karine Adrover: madre di Esther
Loïc Varraut: padre di Esther

 

Fonte

 

Opinione: Non c'entra con la trama del cartone animato, ma da quello che ho capito il film è più fedele al romanzo originale.

Dettagli a parte, film carino, trama abbastanza veloce, ottimo da guardare quando non si ha voglia di vedere qualcosa di troppo serio ma nemmeno di troppo stupido.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

A me è piaciuto tanto, manca il cagnolino piccolo Poochie o come si scrive che sta in tasca a Sébastien, ma se non si cercano riferimenti alla serie tv, secondo me è un bel film, buoni messaggi sui pregiudizi :sasa:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora