Recommended Posts

334of8m.jpg

 

 

 

« Una storia come la mia non andrebbe mai raccontata, perché il mio mondo è tanto proibito quanto fragile, senza i suoi misteri non può sopravvivere. Di certo non ero nata per una vita da geisha, come molte cose nella mia strana vita ci fui trasportata dalla corrente. »

(Nitta Sayuri)

 

 


Memorie di una geisha (Memoirs of a Geisha) è un film del 2005 diretto da Rob Marshall, basato sull'omonimo romanzo di Arthur Golden e prodotto dalla Amblin Entertainment di Steven Spielberg. Nel 2006 ha vinto tre Academy Award.
 
Il film, girato nel sud della California ed in alcuni luoghi di Kyōto come il tempio Kiyomizu-dera ed il monastero di Fushimi Inari-taisha, è stato proiettato in pubblico negli Stati Uniti il 9 dicembre del 2005 dal consorzio composto da Columbia Pictures, DreamWorks e Spyglass Entertainment. Il suo budget di produzione è stato di 85 milioni di dollari.
 
In Giappone il film è stato lanciato con il titolo "SAYURI".
 
È stato distribuito in DVD, dalla Sony Pictures, il 28 marzo del 2006.
 
Trama


Tratto dal romanzo omonimo di Arthur Golden.
Negli anni precedenti alla Seconda guerra mondiale una bambina giapponese viene strappata a una famiglia senza mezzi, per lavorare come serva nella casa di una geisha. Nonostante le angherie di una sua accanita rivale, che quasi le spezza l'animo, la ragazza sboccia e diventa la leggendaria geisha Sayuri. Colma di bellezza e talento, Sayuri seduce gli uomini più potenti dei suoi giorni; tuttavia il suo cuore batte segretamente per l’unico uomo che non potrà mai avere.

 

 

Titolo originale Memoirs of a Geisha

Paese di produzione Giappone, Stati Uniti

Anno 2005

Durata 144 min

Colore colore

Audio sonoro

Genere drammatico, romantico, storico

Regia Rob Marshall

Soggetto Arthur Golden (romanzo)

Sceneggiatura Robin Swicord

Produttore Steven Spielberg

Produttore esecutivo Gary Barber

Distribuzione (Italia) Eagle Pictures

Fotografia Dion Beebe

Montaggio Pietro Scalia

Musiche John Williams, Yo-Yo Ma, Itzhak Perlman

Scenografia John Myhre, Gretchen Rau

Costumi Colleen Atwood

 

Interpreti e personaggi

Zhang Ziyi: Sayuri

Suzuka Ohgo: Chiyo (Sayuri da piccola)

Ken Watanabe: il "Direttore Generale"

Gong Li: Hatsumomo

Michelle Yeoh: Mameha

Youki Kudoh: "Zucca"

Kōji Yakusho: l'industriale Nobu Toshikazu

Kaori Momoi: la "Madre"

Tsai Chin: la "Zietta"

Kotoko Kawamura: la "Nonna"

Zoe Weizenbaum: la giovane "Zucca"

Samantha Futerman: Satsu

Eugenia Yuan: Korin

Cary-Hiroyuki Tagawa: il "Barone"

Kenneth Tsang: il "Generale"

Randall Duk Kim: il dr. "Granchio"

Ted Levine: il colonnello Derricks

Paul Adelstein: Ten. Hutchins

Karl Yune: Koichi

Nobu Matsuhisa: Nobuyuki Matsuhisa

Makoto Iwamatsu: Sakamoto

 

Fonte

 

 

Opinione personale: un film delicato che ci introduce nel particolarissimo mondo delle geishe di Kyoto e della vita in Giappone durante la prima guerra mondiale. La guerra fa solo da scenario, non è veramente un film storico, si concentra più sullo stile biografico. Caratteristici i personaggi ed il modo di interagire tra loro. Non so se si possa definire una storia per donne, oltre che di donne, però io lo consiglierei a tutti xP Molto bella la fotografia e a chi fosse interessato consiglio anche il libro.
 

Collegamenti:

Steven Allan Spielberg

John Williams

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sinceramente non mi aspettavo tanto da questo film, diciamo che pensavo fosse un film di medio livello, invece sono rimasto piacevolmente soddisfatto da questa visione. Il mondo descritto in quest'opera cinematografica risulta molto interessante e il contesto storico sicuramente contribuisce ad arricchire l'interesse dello spettatore che viene edotto sugli usi e costumi delle geishe e sulle difficoltà che la loro vita fatta di dedizione comportava.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

eh spesso non è facile che un film del genere sia ben realizzato, propio per quello che mi aspettavo poco, ma spesso è meglio aspettarsi poco cosi poi si viene piacevolmente sorpesi se le aspettative vengono superate. Un caso analogo era stato un Ponte su Therabithia, film a cui non davo una lira e che invece mi ha sorpreso sul finale XD

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora